53° Palio di Isola Dovarese

8/9 ORE 10:00 - 23:55 @ Isola Dovarese - Isola Dovarese

53° Palio di Isola Dovarese

53° PALIO DI ISOLA DOVARESE
et de lo recitarcantarballando

“FILUM INVENTUM”
D’un filo ritrovato ne l’Isola da le segrete risorse e de le bizzarre cose ivi occorse

6-7-8 SETTEMBRE 2019
Isola Dovarese (CR)

Durante i tre giorni del Palio la meravigliosa piazza gonzaghesca di Isola Dovarese accoglierà coreografie, scene e giochi che porteranno il visitatore, o piuttosto il viaggiatore, a rivivere le atmosfere delle antiche feste partecipando agli spettacoli, al mercato, alle scene nelle taverne e usando la moneta del tempo – il quattrino – da acquistare nell’apposito “ufficio de cambio” e le tre casse d’ingresso.

DOMENICA 8
Ore 10.00: Apertura delle casse, delle taverne e del mercato.
Nelle contrade e nelle quattro taverne potrete rimanere fino alle ore tarde a gioir cantando con vin speziato perché dei sensi festa sia.
Ore 17.00: Assegnazione dell’agognato “Palio di Isola Dovarese”. Dopo i cortei di dame e cavalieri vestiti dei loro abiti più belli per la visita della famiglia Gonzaga, dopo canti, balli e sfide, la contrada migliore si aggiudicherà il “Palio” e lo stendardo del “Favete Linguis”.
Ore 21.00: L'ultimo suggestivo spettacolo che si concluderà con una magia di fuochi ad illuminare il cielo dell'Isola.

Ti servono: 5/10 EURI!!!

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Museo del Violino

Il Museo del Violino Antonio Stradivari, con sede a Cremona, è dedicato alla liuteria cremonese di tutti i tempi.E' allo stesso tempo un Museo, un Auditorium ed un centro di Ricerca sulla liuteria antica e moderna.Promuove il Concorso Triennale di liuteria cremonese Antonio Stradivari. CR

Sala Alabardieri – Palazzo Comunale Cremona

Il Palazzo del Comune è stato fondato nel 1206 con la forma architettonica tipica del broletto lombardo e successivamente ampliato nel 1245. La struttura medievale del palazzo non ha subito modifiche fino alla fine del XV secolo. A partire dal 1496 e poi nel corso del secolo successivo fu modificata la facciata sostituendo le trifore duecentesche con finestre rettangolari e aggiungendo il nuovo arengario in marmo addossato al pilastro centrale della facciata.L`attuale facciata è il risultato delle variazioni apportate nel 1838 dall`architetto cremonese Luigi Voghera che ha arricchito le finestre di lesene e decorazioni in cotto, oltre alla fascia di marmo bianco con mensoloni, di gusto neo-rinascimentale. L'attuale scalone d'accesso fu costruito negli stessi anni in sostituzione di quello precedente cinquecentesco. Percorrendolo si arriva al Salone degli Alabardieri, all'interno del quale si ammirano ancora tracce di affreschi parietali raffiguranti un San Cristoforo, una Madonna col Bambino e Santi e una Crocifissione, della fine del Duecento, di gusto ancora bizantino sia pur con accenni di modernità romanica. CR

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.