Ad acqua. Vedute e paesaggi di Bagetti: tra realtà e invenzione

12/1 ORE 9:00 - 19:00 @ Palazzo Reale di Torino - Torino

Ad acqua. Vedute e paesaggi di Bagetti: tra realtà e invenzione

Fine disegnatore e interprete sensibile della pittura di paesaggio, Giuseppe Pietro Bagetti (Torino, 1764 – 1831) seppe sfruttare magistralmente le potenzialità dell’acquarello per realizzare vedute e battaglie che lo resero celebre già presso i suoi contemporanei, al punto da suscitare l’apprezzamento dello stesso Napoleone Bonaparte.

I Musei Reali di Torino dedicano al pittore la mostra Ad acqua. Vedute e paesaggi di Bagetti: tra realtà e invenzione, visitabile dal 30 Novembre 2018 fino al 31 Marzo 2019 all’interno dello Spazio Scoperte della Galleria Sabauda che, giunto al suo quarto appuntamento, continua a proporre al pubblico opere ricercate e spesso inedite all’interno del percorso espositivo.

La mostra (curata da Giorgio Careddu e inserita nell’ambito di un progetto sull’acquarello in Piemonte promosso dall’Accademia Albertina di Torino) approfondisce alcuni momenti del cammino artistico di Bagetti e mette in evidenza la capacità creativa e la competenza geografica dell’artista nel riprodurre scene urbane e rurali, presentando una selezione di 39 opere appartenenti ai fondi di grafica della Biblioteca Reale e della Galleria Sabauda.

Ti servono: 6/12 EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Camera Centro Italiano per la Fotografia

Uno spazio espositivo.Un osservatorio sulla fotografia nazionale e internazionale.Una piattaforma di incontro e ricerca. TO

Cinema Multisala Reposi

Costruito nel 1946 da Amedeo Reposi, il cui padre, vero e proprio pioniere, già nel 1906 si occupava di cinematografia, il Cinema Teatro Reposi è stato per oltre cinquant’anni uno dei più prestigiosi locali di pubblico spettacolo in Italia, in virtù dei suoi 2700 posti, della sua forma a interno di uovo con il soffitto apribile e delle tante soluzioni d’avanguardia come l’accesso alla platea e alla galleria senza gradini.Trasformato in multisala alla fine degli anni Novanta, ma sempre ubicato nel cuore della città, questo storico locale si presenta oggi completamente rinnovato e in grado di rispondere alle nuove esigenze del pubblico, grazie ai suoi sette schermi e alla modernizzazione di tutti gli impianti tecnici e di proiezione.Sede del Torino Film Festival per diversi anni fino al 2002, il Reposi è tornato ad accogliere i film e il pubblico del Tff nel 2011, confermandosi come uno dei luoghi storici della manifestazione e tuttora fondamentale. TO

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Residenza Sabauda per la Caccia e le Feste edificata a partire dal 1729 su progetto di Filippo Juvarra, la Palazzina di Caccia di Stupinigi è uno dei gioielli monumentali di Torino, a 10 km da Piazza Castello, in perfetta direttrice.Costruita sui terreni della prima donazione di Emanuele Filiberto all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (1573), è oggi proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano, un ente governativo dedicato alla sua conservazione e valorizzazione.Riaperta al pubblico dopo importanti lavori di restauro, la Palazzina di Caccia -fra i complessi settecenteschi più straordinari in Europa- ha piena dignità museale con i suoi arredi originali, i dipinti,i capolavori di ebanistica e il disegno del territorio.La costruzione della Palazzina di Caccia inizia nel 1729 su progetto di Filippo Juvarra, e continua fino alla fine del XVIII secolo con interventi di ampliamento e completamento di Benedetto Alfieri e di altri architetti quali Giovanni Tommaso Prunotto, Ignazio Birago di Borgaro, Ludovico Bo, Ignazio Bertola.Testimonianza eccezionale dello spirito del tardo Juvarra e di Benedetto Alfieri, si specchia e ritrova nel rococò internazionale delle residenze reali europee.È luogo di loisir per la caccia nella vita di corte sabauda, sontuosa e raffinata dimora prediletta dai Savoia per feste e matrimoni durante i secc. XVIII e XIX, nonché residenza prescelta da Napoleone nei primi anni dell’800.Agli inizi del XX secolo è scelta come residenza dalla Regina Margherita, e dal 1919 è anche sede del Museo dell’Arredamento.Costituisce l’elemento eminente del patrimonio storico-artistico mauriziano. TO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO