Anni Venti in Italia

15/1 ORE 10:00 - 19:00 @ Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura - Genova

ID 24 felice casorati ritrattino renato gualino ph.pino dellaquila 620x388 1 Anni Venti in Italia

Complessità e contraddizioni degli anni Venti del Novecento hanno ispirato l’importante mostra in corso a Genova, nella cornice di Palazzo Ducale. Circa 100 opere per descrivere, oltre l’immagine più consolidata, un decennio cruciale anche per la storia italiana.

Qual era il contesto sociale, culturale, politico del nostro Paese esattamente un secolo fa? Cosa scopriremmo se esaminassimo gli anni Venti del Novecento alla ricerca della loro identità estetica? Alla vigilia del passaggio al nuovo decennio, la mostra Anni venti in Italia. L’età dell’incertezza si focalizza su una fase storica cruciale, segnata dalle conseguenze del primo conflitto mondiale, dalla crisi economica del 1929 e dalla progressiva ridefinizione degli equilibri internazionali.

Visitabile fino al 1° marzo 2020, nell’Appartamento del Doge di Palazzo Ducale, a Genova, la rassegna indaga in nove sezioni tutte le declinazioni dell’inquietudine di quel periodo, riunendo insieme circa 100 opere di artisti come Gino Severini, Mario Sironi, Giorgio de Chirico, Felice Casorati, Carlo Levi, Alberto Savinio, Ottone Rosai, Arturo Martini e molti altri ancora.

Una carrellata di ritratti: personaggi rimasti anonimi e influenti figure del mondo culturale, artistico e imprenditoriale accompagnano i visitatori in questa sorta di immersione nelle atmosfere degli anni Venti. L’itinerario prosegue con capitoli identificati da “parole chiave”, che intendono restituire un’immagine più autentica degli anni Venti.

Etichettati dalla storiografia come “ruggenti”, emergono infatti dalla mostra in tutta la loro complessità, fra trasformazioni tecnologiche e urbane, ma anche profonde “linee d’ombra”. Accanto a questi lati, più oscuri e ambigui, il decennio è descritto senza dimenticarne la peculiare eleganza, la voglia di divertimento e il desiderio di evasione. A questi aspetti, in particolare, è affidata la chiusura della narrazione espositiva che, proprio come l’incipit, prevede le sculture di Arturo Martini.

Ti servono: 12/10 EURI!!!

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Acquario di Genova

L'Acquario di Genova è il più grande acquario italia,o in Europa, dopo quello di Mosca, in Russia e quello di Valencia, in Spagna e il nono nel mondo. Si trova a Ponte Spinola, nel cinquecentesco porto antico di Genova.Di proprietà di Porto Antico di Genova SpA e gestito dalla società Costa Edutainment SpA, è stato inaugurato nel 1992 in occasione delle Colombiadi, ossia della Expo celebrativa del cinquecentesimo anniversario della scoperta dell'America. La progettazione della struttura e dell'area limitrofa è dell'architetto Renzo Piano, l'allestimento degli interni è stato curato dall'architetto Peter Chermayeff. Successivamente è stato a più riprese ampliato. Al momento della sua inaugurazione era il secondo Acquario più grande al mondo. Dall'apertura al 2014 è stato visitato da oltre 25 milioni di visitatori, con una media di 1,2 milioni all'anno. GE

Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura

E' il principale centro di produzione culturale di Genova: mostre d’arte, convegni, cicli di incontri, attività didattiche, sono le attività del Palazzo. GE

Politeama Genovese

Nel 1821 l’architetto Carlo Barabino disegnò un grande parco urbano, l’Acquasola, ai margini del centro abitato genovese. Quattro anni più tardi, ai limiti del parco, venne costruito un teatrino in legno come completamento del divertimento delle “montagne russe”.Nel 1832 il teatro – battezzato Diurno perché aperto solo di giorno – fu riedificato: un’arena capace di tremila posti.Dopo il 1850 la zona, come buona parte delle aree collinari di Genova, fu soggetta a un’intensa urbanizzazione. Anche il teatro venne coinvolto nel cambiamento fu completamente ricostruito nel 1870 su progetto dell’architetto Nicolò Bruno. Quattro anni più tardi venne finalmente dotato di un tetto.Nel 1932 un intervento trasformò notevolmente il teatro che – come quasi tutti i luoghi di spettacolo genovesi – fu distrutto dai bombardamenti inglesi nella seconda guerra mondiale.Ricostruito nel 1955 nei fondi di un moderno palazzo, il Politeama Genovese divenne nel 1936 la sala principale del Teatro Stabile di Genova. GE

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.