Capitani coraggiosi – L’avventura umana della scoperta

12/1 ORE 9:30 - 22:30 @ MUDEC - Museo delle Culture - Milano

Capitani coraggiosi - L'avventura umana della scoperta

E’ la mostra scelta dal Museo delle Culture per celebrare il Novecento Italiano, aderendo al palinsesto artistico-culturale che il Comune di Milano dedica quest’anno a questo importante momento storico e si inserisce all’interno del progetto culturale “Geografie del Futuro”, un racconto sul “sapere geografico” inteso come rilevamento di territori e di culture letti attraverso la lente di diverse discipline di studio.

Attraverso tre mostre che partiranno dal 28 Settembre per terminare il 14 Aprile 2019 (oltre a “Capitani coraggiosi”, le mostre “Se a parlare non resta che il fiume” e “The art of Banksy. A visual protest”) il Museo delle Culture rifletterà insieme ai visitatori sul tema della disciplina geografia, cercando di capire quali tipi di “geografie” definiranno i confini della nostra conoscenza del mondo nel futuro.

“Capitani coraggiosi” è un racconto immersivo sulle frontiere delle esplorazioni novecentesche progettate negli ambienti scientifici ed intellettuali milanesi e lombardi, toccando le vette, lo spazio, gli abissi e la terra più profonda, ovvero gli ultimi confini geografici indagati dagli esploratori professionisti in un periodo – quello dai primi decenni del ‘900 a oggi – in cui la mappatura delle terre emerse era ormai stata completata dal lavoro dei pionieri ottocenteschi.

L’ampio ed eterogeneo patrimonio della mostra, curata da un comitato scientifico interdisciplinare composto da Franco Farinelli, Anna Maria Montaldo, Carolina Orsini e Anna Antonini, è valorizzato e reso fruibile grazie ad un allestimento multimediale curato da Karmachina in collaborazione con Angelo Linzalata e Marina Cinciripini e con la partecipazione degli studenti del Master in Visual Arts for the digital Age di IED Istituto Europeo di Design. L’allestimento scenografico e una straordinaria selezione di opere originali faranno sognare il pubblico raccontando, tra le altre avventure, la conquista del K2 del 1954, la trasvolata delle Alpi in pallone di Celestino Usuelli, lo studio di Marte e le profondità delle grotte lombarde, ultima frontiera inesplorata della terra. Una galleria di video interviste spiegherà il futuro della geografia e del rapporto tra l’uomo con lo spazio materiale e simbolico che lo circonda attraverso la testimonianza di alcuni, celebri, “esploratori” moderni.

Non poteva che essere il MUDEC il museo più adatto a ospitare una mostra sui confini della “disciplina geografia”. La collezione permanente del Museo delle Culture è infatti strettamente legata alla storia dell’esplorazione.

L’esposizione, accompagnata da un catalogo e da una audio-guida, è aggratis e sarà visitabile fino al 10 febbraio 2019.

Orari:
Lunedì 14.30‐19.30
Martedì, Mercoledì, Venerdì e Domenica 09.30‐19.30
Giovedì e Sabato 9.30‐22.30

Ti servono: zero EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Castello Sforzesco di Milano

E' uno dei principali simboli della Città di Milano e della sua storia.Fu costruito nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti di una precedente fortificazione risalente al XIV secolo nota come Castrum Porte Jovis (Castello di porta Giovia o Zobia), e nei secoli ha subito notevoli trasformazioni.La Porta Giovia viene eretta in età romana (III secolo d.C.) da Diocleziano Giovio, a cavallo della cinta muraria dell’antica Mediolanum, costituendo un punto di transito per chi entra ed esce dalla città.In età medievale Azzone Visconti potenzia e amplia il circuito murario antico.Il ruolo di questa porta cambia nella seconda metà del 1300, quando Galeazzo II Visconti vi costruisce intorno la sua rocca quadrata.Fra il Cinquecento e il Seicento era una delle principali cittadelle militari d'Europa. Trasformato in una delle più ampie cittadelle fortificate d'europee, era destinata alle truppe del figlio Gian Galeazzo.Solo con Filippo Maria Visconti, nel XV secolo, il complesso adibito a fortezza e prigione assume carattere di residenza signorile della famiglia, che fino a quel momento abitava il Palazzo dell’Arengo vicino al Duomo. L’area del Castello verrà allora ampliata e dotata di un fossato, di giardini e di un grande parco verso nord.Restaurato in stile storicista da Luca Beltrami tra il 1890 e il 1905.Oggi è sede di importanti istituzioni culturali e meta turistica. ed è uno dei più grandi castelli d'Europa. MI

Castello Visconteo di Legnano

Fortificazione medioevale che sorge a sud di Legnano su un'isola naturale del fiume Olona.È conosciuto come Castrum Sancti Georgi ("castello di San Giorgio") sin dal XIII secolo.Dopo lunghi e accurati lavori di restauro, il Castello Visconteo di Legnano, una fortezza la cui costruzione risale al XIII secolo, è tornato ad essere patrimonio fruibile al pubblico nel 2007. MI

Cinema Multisala Ducale

Il Cinema Multisala Ducale si trova a Milano in una è posizione davvero "strategica", raggiungibile comodamente sia in macchina sia a piedi.La programmazione comprende film d'autore, blockbuster e contenuti alternativi.Grandi collaborazioni con altre realtà cinematografiche cittadine come Le Vie del Cinema e Milano Film Festival. MI

Ippodromo San Siro

145 ettari di meravigliosa natura nel cuore della città, a un passo dal centro del quartiere finanziario più importante d'Italia. Con le sue suggestive piste, tra le più selettive, l'Ippodromo di Milano Galoppo è uno tra i più prestigiosi palcoscenici ippici a livello mondiale.L'Ippodromo offre divertente animazione per i vostri bambini, un meraviglioso percorso all'interno del Parco Botanico con più di 70 specie di piante diverse, ristoranti per tutte le tasche e il meraviglioso Cavallo di Leonardo.Ideale per trascorrere una giornata diversa tra corse e divertimento, da soli o con la famiglia.Luogo anche di numerosi eventi musicali. MI

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO