Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

20/1 ORE 10:00 - 18:00 @ Reggia di Venaria Reale - Venaria Reale

Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

Alla Reggia di Venaria, dal 18 Luglio 2018 al 24 Febbraio 2019, una emozionante mostra dedicata al mito della motocicletta.

Un mito fatto di libertà, tecnologia, sogno, colore, velocità: è l’immaginario legato al mondo della motocicletta. Spesso vera creazione d’arte e prodigio tecnico, tra ricerca delle forme più ardite e sperimentazioni meccaniche. A raccontare un universo tanto affascinante è la mostra “Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte”, in calendario dal 18 luglio 2018 al 24 febbraio 2019 alla Reggia di Venaria, presso la Citroniera delle Scuderie Juvarriane.

Un mito giovane, quello della motocicletta (i prototipi risalgono al 1885), ma capace di generare presto brand leggendari (Ducati, Guzzi, Harley Davidson), farsi protagonista di capolavori cinematografici (il chopper di “Easy Rider”, la Triumph Bonneville guidata da Steve McQueen ne “La grande fuga”), accompagnare le gesta dei campioni (la MV Agusta di Giacomo Agostini, la Yamaha di Valentino Rossi, la Ducati di Casey Stoner), raccontare il mondo e la voglia di esplorarlo (la Vespa utlizzata da Bettinelli da Roma a Saigon o le special che hanno attraversato il deserto di sabbia della Parigi-Dakar).

La moto racchiude un universo fatto di evasione dalla routine, stile, esaltazione del viaggio, anche interiore. E coinvolge filosofia e letteratura (come dimenticare il celebre libro di Pirsig “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”?). Anche l’arte è stata investita dal suo messaggio. E la mostra della Venaria fa dialogare oltre cinquanta modelli di moto con opere d’arte contemporanea, in modo espliciti o indiretto. Tra i nomi degli artisti esposti, Antonio Ligabue con l’Autoritratto sulla moto, Mario Merz con Ac-celerazione=sogno, Pino Pascali con 9mq di pozzanghere, Alighiero Boetti con Rosso Guzzi e Rosso Gilera, Giuliano Vangi con Vejo. Autentica chicca sono i dipinti di Paul Simonon, ex bassista dei Clash, appassionato collezionista di moto.

Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte” arriva vent’anni dopo la celebre esposizione “The Art of Motorcycle” del Guggenheim Museum di New York (dal record assoluto di visitatori). A curarla, Luca Beatrice, Arnaldo Colasanti, Stefano Fassone. Sono nove le sezioni in cui si articola: Stile forma e design italiano; Il Giappone e la tecnologia; Mal d’Africa; La velocità; Sì viaggiare; London Calling; Il Mito americano; Terra, Fango, Libertà; La moto e il cinema.

Ti servono: 12/14 EURI!!!

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

#CHESSSIGUARDA

no foto chesssifa 01 Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

Nelle vicinanze

Cinema Fratelli Marx

Appena fuori dal Centro storico di Torino, nel quartiere di vanchigli(etta)..C'è sto gran bel cinema che ogni volta che ci vai poi torni a casa pure con un libro e la pancia piena di cioccolata...(gran selezione di entrambe al piano terra)Ogni Martedì, proiezioni di film in versione originale con sottotitoli in italiano. Ogni Mercoledì ingresso a soli 4 euri!!! To

Cinema Massimo

La Multisala Cinema Massimo, la cui gestione è appannaggio del Museo Nazionale del Cinema dal 1989, è stata completamente ristrutturata e rinnovata sotto il profilo tecnologico: tutte le sale sono attrezzate anche con proiettori digitali 2K. Inaugurata il 24 gennaio 2001, la multisala ha totalizzato oltre un milione di spettatori.Ospita i principali festival cinematografici torinesi: Torino Film Festival, CinemAmbiente, Sottodiciotto. TO

Il Magazzino di Gilgamesh

Locale storico del panorama della musica notturna torinese in pieno stile “Jazz Club Newyorkese”.E' famoso in tutto il Nord Italia come punto di riferimento per la musica live (Jazz, Blues, Rock). TO

Museo Accorsi-Ometto

Il Museo Accorsi - Ometto, che ospita la collezione del “principe degli antiquari” Pietro Accorsi, è aperto al pubblico dal 1999. Si tratta di una casa-museo squisitamente arredata dal cavalier Giulio Ometto, Presidente dell’Istituzione, secondo il gusto del Fondatore.Una dimora nobiliare in cui si sono ricostruiti ambienti di straordinaria ricchezza e da cui il proprietario sembra appena uscito; spazi in cui mobili, tappeti, arazzi, oggetti e quadri sono messi in relazione tra loro per ricreare atmosfere di altri tempi. Il percorso espositivo è composto da 27 sale e ospita migliaia di oggetti prevalentemente settecenteschi. Tra le opere più rappresentative, è possibile ammirare il doppiocorpo di Pietro Piffetti, definito dalla critica “il mobile più bello del mondo”, firmato e datato 1738: un capolavoro di intaglio, intarsio e scultura che ha reso celebre l’artista in tutto il mondo.Fin dalla sua apertura il museo inoltre ospita importanti mostre, principalmente volte alla conoscenza delle arti decorative, non tralasciando temi di interessi internazionale. Tra le mostre più recenti, le esposizioni dedicate al Divisionismo, al Futurismo e le personali di grandi artisti quali Gio’ Pomodoro, Giacomo Grosso, Giovanni Battista Quadrone, Alberto Pasini. TO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO