Halloween per bambini – Il Principe dei Mostri

26/10 ORE 14:00 - 22:30 @ Castello Pallavicino di Varano de' Melegari - Varano de' Melegari

Halloween per bambini - Il Principe dei Mostri

IL PRINCIPE DEI MOSTRI – HALLOWEEN PER BAMBINI
Halloween da piccoli brividi nel misterioso Castello di Varano!

Forse non tutti lo sanno, ma il Castello di Varano de’ Melegari è la dimora del Principe dei Mostri e dei suoi spaventosi e bizzarri amici. Una serie di enigmatici eventi, però, rischia di scatenare il caos nella loro esistenza: il Lupo Mannaro ulula alla luce di una lampadina convinto per qualche strana idea che si tratti della luna, la Mummia non ha più le sue bende e mugugna frasi sconnesse, battendo i denti per il freddo, la Strega sforna deliziosi dolcetti profumati al posto di rancide pozioni maleodoranti…

Sarete tanto coraggiosi da intrufolarvi nella fortezza, superando terrificanti prove, per smascherare l’artefice di tanto scompiglio e mandare all’aria il suo diabolico piano?! Una emozionante avventura per bambini coraggiosi, con tanti giochi da fare insieme, vi aspetta alla Castello di Varano!

Sabato : 14:00 , 15:00 , 16:00 , 17:00 , 18:00, 19:30 , 20:30 , 21:30
Domenica : 14:00 , 15:00 , 16:00 , 17:00 , 18:00

Prenotazione Obbligatoria

Costo:
Bambini dai 4 ai 12 anni: 8 Euri
Adulti accompagnatori: 5 Euri

Pagamento in contanti direttamente in loco oppure tramite bonifico bancario entro il 23 ottobre, in tal caso contattateci prima di effettuare il bonifico per avere la certezza sulla disponibilità del turno che preferite.

L’evento si svolgerà al coperto ed avrà luogo anche in caso di maltempo

Ti servono: 5/8 EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Bacedasco

Frazione di collina del comune di Castell'Arquato, da sempre nota per l’uva e il vino.Non a caso il nome "Bacedasco" è di origine longobarda e significa "terra delle acque".Dal 1874 le prime analisi rivelarono la presenza di acqua sulfurea salso bromo iodica si ebbe la conferma delle proprietà guaritive delle terme.Nel 1900, all'Esposizione Universale delle Acque di Parigi, le acque di Bacedasco furono apprezzate e considerate tra le più notevoli d'EuropaLe "Antiche Terme di Bacedasco" prima della costruzione di un campo di Golf erano il parco naturale più grande do Europa , ora sono rimasti solo 100 ettari.In questo meraviglioso parco sono presenti piante, erbe e vegetazione unica.La Frazione e divisa in Bacedasco Alto e Bacedasco Basso PC

Borgo Medievale di Vigoleno

Non è un sogno ma una realtà che ha respinto l'assalto del tempo e trasmette la magia e il fascino di una bellezza da scoprire. L'appartenenza per cinque secoli, quasi ininterrotta, alla nobile Famiglia Scotti, ha consentito al Borgo Medievale di Vigoleno di essere tra quelli meglio conservati in Italia.Negli anni ha mostrato una grande versatilità creando un connubio fra passato e presente: Ogni manifestazione, dalle opere liriche alla musica classica, dal folk al jazz, alle rievocazioni storiche, alle mostre artistiche, sono state tutte accolte con grande affluenza.È un insieme di storia, arte e cultura enogastronomica: Salumi D.O.P., tortelli, anolini, selvaggina, formaggi accompagnati dai vini D.O.C. dei colli piacentini, accontentano tutti. Una vera rarità D.O.C. è rappresentata dal Vin Santo di Vigoleno, un passito di limitata produzione conservato in piccole botti di legno per almeno 5 anni.Età Romana: Sono state ipotizzate strutture difensive grazie alla sua posizione strategica al confine tra la Provincia di Parma (Val Stirone) e la Provincia di Piacenza (Valle Ongina).Nel XII secolo L’esistenza delle fortificazioni del Borgo Medievale di Vigoleno è testimoniata per la 1^ volta quando il Borgo chiese protezione al Comune di Piacenza.Nel 1306 Ulteriori aggiunte difensive vennero ordinate da Alberto Scotti, della famiglia mercantile di Piacenza. In seguito il Comune di Piacenza occupò il sito distruggendone le difese e ricostruendole dopo breve tempo.Nella seconda metà del XIV secolo La famiglia milanese dei Visconti ottenne il castello per poi perderlo e riottenerlo, grazie ad un inganno. Durante la guerra fra il ducato di Milano e Amedeo VI di Savoia. Galeazzo Visconti lo fece distruggere quasi totalmente.Nel 1385 La famiglia Scotti ottenne la licenza di riedificare il castello per abitarci per quasi tutta la sua storia.Inizi del 1900 Per motivi economici la Famiglia Scotti è costretta a vendere il Borgo.Negli anni '20 e '30 del 1900 Il castello fu proprietà della principessa Maria Ruspoli-Gramont che invitò nella sua residenza personaggi straordinari dell'élite e della cultura del tempo quali Gabriele D’Annunzio, Riccardo Bacchelli, il pianista Arthur Rubinstein e i pittori Max Ernst e Alexandre Jacovleff (al quale si deve la decorazione del teatrino del castello).Oggi: E' possibile visitare il piano nobile con gli antichi saloni e il piccolo teatro (soli 12 posti).Al Borgo Medievale di Vigoleno, si accede dalla stessa porta che nei secoli ha visto passare soldati, dame e cavalieri.Superato l'ingresso, si entra nella piazza con al centro la fontana cinquecentesca. Accanto si erge il Mastio, poderosa torre che domina tutto il paesaggio circostante e attraverso il camminamento di ronda porta alla torre sud e alla parte residenziale del castello.Di fronte all'entrata del castello si trova l'Oratorio della Madonna delle Grazie, elegante edificio seicentesco, costruito sui resti di un antico ospitale per i fedeli in viaggio lungo la Via Francigena.Verso est si raggiunge la Pieve di San Giorgio, chiesa che è fra gli esempi più suggestivi del romanico padano. Nella facciata è conservata la caratteristica lunetta di San Giorgio che uccide il drago. Le pietre dai riflessi dorati delle case del borgo, mostrano resti di conchiglie fossili, che ricordano un tempo molto lontano in cui tutta la zona era coperta dalle acque del mare.Vigoleno fa parte del Parco fluviale dello Stirone, una riserva che presenta notevoli elementi di interesse geologico e naturalistico.Il Borgo è fra i primi ad essere stato inserito all'interno del prestigioso club de "I Borghi più Belli d'Italia" dell'ANCI. Ha anche ottenuto il marchio di "Qualità Turistico - Ambientale" del Touring Club Italiano, "Bandiera Arancione".Nel Borgo è possibile soggiornare nell'Hotel o fermarsi a pranzo/cena nei ristoranti presenti. PC

Ristorante Nona Buca

Ristorante/Bar/B&B immerso nel verde di un vasto campo da Golf.Ideale per pranzi e cene di lavoro, eventi, momenti di puro relax e armonia.A pochi minuti dal borgo di Castell'Arquato. PC

Teatro Magnani

La costruzione del Teatro, su progetto dell'architetto di Maria Luigia, Nicola Bettoli, (autore anche del Regio di Parma) ebbe inizio proprio nel 1813, anno di nascita di Giuseppe Verdi, sull'area della soppressa chiesa di san Francesco. I lavori, interrotti più volte, ripresero solo nel 1845, e si conclusero nel 1861.L'inaugurazione avvenne il 26 ottobre 1861 con Il Trovatore, in omaggio a Verdi, scenografia di Magnani, naturalmente. PR

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.