I Macchiaioli. Arte italiana verso la modernità

7/12 ORE 10:00 - 18:00 @ GAM Torino - Torino

I Macchiaioli. Arte italiana verso la modernità

Gli antefatti, la nascita e la stagione iniziale e più felice della pittura macchiaiola, ossia il periodo che va dalla sperimentazione degli anni Cinquanta dell’Ottocento ai capolavori degli anni Sessanta, saranno i protagonisti della mostra che per la prima volta alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino valorizzerà il dialogo artistico tra Toscana, Piemonte e Liguria nella ricerca sul vero.

I Macchiaioli. Arte italiana verso la modernità”, organizzata e promossa da Fondazione Torino Musei, GAM Torino e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, a cura di Cristina Acidini e Virginia Bertone, con il coordinamento tecnico-scientifico di Silvestra Bietoletti e Francesca Petrucci, vede la collaborazione dell’Istituto Matteucci di Viareggio e presenta circa 80 opere provenienti dai più importanti musei italiani, enti e collezioni private, in un ricco racconto artistico sulla storia del movimento, dalle origini al 1870, con affascinanti confronti con i loro contemporanei italiani.

L’esperienza dei pittori macchiaioli ha costituito uno dei momenti più alti e significativi della volontà di rinnovamento dei linguaggi figurativi, divenuta prioritaria alla metà dell’Ottocento. Fu a Firenze che i giovani frequentatori del Caffè Michelangiolo misero a punto la ‘macchia’. Questa coraggiosa sperimentazione porterà a un’arte italiana “moderna”, che ebbe proprio a Torino, nel maggio del 1861, la sua prima affermazione alla Promotrice delle Belle Arti. Negli anni della sua proclamazione a capitale del Regno d’Italia, Torino visse una stagione di particolare fermento culturale. È proprio a questo periodo, e precisamente nel 1863, che risale la nascita della collezione civica d’arte moderna – l’attuale GAM – che aveva il compito di documentare l’arte allora contemporanea.

A intessere un proficuo dialogo con la pittura macchiaiola è la prestigiosa collezione ottocentesca della GAM, che favorisce un’inedita occasione di studio. In questa prospettiva un’attenzione particolare viene restituita ad Antonio Fontanesi, nel bicentenario della nascita, agli artisti piemontesi della Scuola di Rivara (Carlo Pittara, Ernesto Bertea, Federico Pastoris e Alfredo D’Andrade) e ai liguri della Scuola dei Grigi (Serafino De Avendaño, Ernesto Rayper), individuando nuovi e originali elementi di confronto con la pittura di Cristiano Banti, Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Odoardo Borrani, protagonisti di questa cruciale stagione artistica.

Ti servono: 11/13 EURI!!!

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO TROVA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

Nelle vicinanze

Borgo Medievale Torino

Il Borgo Medievale è un open air museum, patrimonio storico della Città di Torino.Fedele e perfetta riproduzione di un villaggio medievale piemontese del 1400.Un vero e proprio archivio storico da visitare.Situato nel Parco del Valentino sul fiume Po. TO
Borgo Medievale Torino

Cityplex Massaua

Inaugurato il 5 Ottobre 2017, è la la prima sala torinese con il sonoro Dolby Atmos.In Europa sono circa trecento gli impianti Dolby Atmos installati, ed appena ventuno in Italia.Situato a due passi dalla fermata delle Metro Massuasa. TO
Cityplex Massaua - Torino

GAM Torino

La Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, anche conosciuta come GAM, è il più antico museo d’arte moderna d’Italia.Fu fondata attorno al 1891-95 ed ospita 45mila opere tra dipinti, sculture, installazioni, fotografie, disegni, incisioni e video d'artista. TO
GAM Torino

Museo dell’automobile di Torino

Nato nel 1932 da un’idea di Carlo Biscaretti di Ruffia, pioniere dell’industria automobilistica italiana, viene inaugurato il 3 novembre 1960.Questo è l’unico Museo Nazionale del genere, la cui sede progettata appositamente rappresenta un esempio di architettura moderna.Il Museo presenta una collezione di quasi 200 automobili originali, dalla metà dell’Ottocento ai giorni nostri.Riaperto nel 2011 dopo i restauri e con il nuovo allestimento di François Confino, che permette al visitatore di fare un viaggio nella storia ed evoluzione dell’auto e della società moderna. TO
Museo dell'automobile di Torino

AGGIUNGI UN POSTO oppure INCORPORA SUL TUO SITO