IF! Italians Festival 2019

7/11 ORE 19:00 - 23:55 @ Base Milano - Milano

IF! Italians Festival 2019

Torna il Festival internazionale della creatività!
IF! Italians Festival sarà a BASE Milano dal 7 al 9 novembre.

IF! Opening 7 Novembre pre 19:00
Adci Shortlist Party
If! Festival Design Challenge powered by Shutterstock
IF! Opera Music After Party: dj Danysol, special guest Populous
La partecipazione è gratuita, ma i posti sono limitati

8 Novembre 9.00 – 20.00
Su due palchi di IF! si susseguiranno guest nazionali e internazionali, tra cui: Roya Zeitune, Javier Campopiano, Marijn Roozemond, Matteo Caccia, Enrico Mentana, Antonio Dikele, Paola Zukar, Amelia Hartley, Nick Bailey, Linus, Theshow, Tito Boeri, Luca Vergano

IF! Gala Dinner “Metteti comodi” a cura di UNA (su invito)
il Ristorante Enrico Bartolini, Mudec

9 Novembre 9.00 – 20.00
Cristina Baccelli, Gianni Miraglia, Erik Kessels, Paola Marazzini. Valentina Ricci, Nino Frassica, Sergio Spaccavento, Roberta Carrieri, Massimo Recalcati

IF! Chiusura:
CPA aperitivo
Premiazione Adci Awards – evento su invito

Formazione
Nell’edizione 2019, i corsi di formazione sono diciassette:
Google Machine Sprints con Sergio Ferretti
“Che bello stare scomodi! O del perché moda e design sono migliori quando uncomfortable” con Paolo Ferrarini
“Vorrei trovare parole nuove” con Paolo Ferrarini
“La sostenibilità è fondamentalmente noiosa. Come parlarne nel modo giusto?” con Giorgio Mennella e Alessandro Corbetta
“Digital trends at the crossroads of media, creativity and technology” con Dario Caiazzo
“Social media & Advertising: strategie, strumenti e best practice nell’era del data-driven” con Gaetano Polignano
“Getting to know engage gen Z” con Francesca, Luca Della Dora, Alessandro Sciarpelletti, Matteo Starri
“The why factor” con Daniela Della Riva e Domenico Genovese
“Una chiacchierata sul sesso con La Pina” con Simone Cristiani e La Pina
“Into the now! Influencer marketing: 5 miti da sfatare” con Benedetta Andreozzi e Stefano Morelli
Google certificazioni Rete di ricerca per Google Ads con Annunziata Iocca e Chiara Laudani
Google certificazioni video ads con Annunziata Iocca e Chiara Laudani
“Give them hell” con Béla Ziemann
“Vorrei trovare parole nuove. Esperimenti di laboratorio per un nuovo lessico della moda” con Paolo Ferrarini
The magic of compositing” con Martin Benes
“The Rules behind breaking creativity rules” con Ravid Kuperberg
“Turning insightful data into a creative drama” con Ravid Kuperberg

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Acquario Civico di Milano

L'Acquario Civico di Milano: un museo viventeÈ ospitato in uno splendido edificio liberty che con i suoi fregi e maioliche racconta all'esterno il suo contenuto. È situato accanto all'Arena civica e ai margini del Parco Sempione, di cui riproduce l'architettura ellittica. L'attuale assetto dell'edificio e delle vasche è frutto della ristrutturazione (2003-2006) che ha restituito l'Istituto, nella sua nuova veste, ai visitatori e alla cittadinanza. MI

Arengario

Eretto verso la fine del XIII secolo, l'antico palazzo comunale, detto Arengario (dal latino arengarius, derivato dal germanico hari-hring, “luogo per assemblee”) sorge in posizione pressoché contigua al Duomo, a significare anche visivamente la contrapposizione di poteri, religioso e civile, che anche a Monza contraddistinse il periodo comunale.Situato nel centro cittadino, in relazione alla vasta piazza del Mercato ed in asse con la via principale che legava la città a Milano e alla Brianza, faceva parte di un insieme complesso, che le vicende edilizie ed i restauri hanno ridotto al solo palazzo comunale. Accanto sorgeva, collegato da un passaggio sospeso, il palazzo pretorio (o del podestà) oggi scomparso.L'edificio presenta a piano terra un ampio porticato ad arcate, sorretto da massicci pilastri in pietra, luogo degli incontri e degli scambi, ed un’unica grande sala coperta a capriate di legno al primo piano, destinata alle adunanze ed assemblee, che si apre con un balconcino a loggetta (la "parlera") dalla quale si leggevano i decreti emanati dal Comune alla popolazione. La torre campanaria, realizzata successivamente, sul lato nord, presenta la merlatura ghibellina a coda di rondine.L'antico accesso alla sala superiore, adibita ora a sala espositiva per mostre d'arte e rassegne culturali, avveniva lungo il fianco orientale tramite due scale esterne alla porta di cui sono tuttora visibili le tracce. Oggi l'ingresso è da nord attraverso una scala nella torre. MB

Castello Sforzesco di Milano

E' uno dei principali simboli della Città di Milano e della sua storia.Fu costruito nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti di una precedente fortificazione risalente al XIV secolo nota come Castrum Porte Jovis (Castello di porta Giovia o Zobia), e nei secoli ha subito notevoli trasformazioni.La Porta Giovia viene eretta in età romana (III secolo d.C.) da Diocleziano Giovio, a cavallo della cinta muraria dell’antica Mediolanum, costituendo un punto di transito per chi entra ed esce dalla città.In età medievale Azzone Visconti potenzia e amplia il circuito murario antico.Il ruolo di questa porta cambia nella seconda metà del 1300, quando Galeazzo II Visconti vi costruisce intorno la sua rocca quadrata.Fra il Cinquecento e il Seicento era una delle principali cittadelle militari d'Europa. Trasformato in una delle più ampie cittadelle fortificate d'europee, era destinata alle truppe del figlio Gian Galeazzo.Solo con Filippo Maria Visconti, nel XV secolo, il complesso adibito a fortezza e prigione assume carattere di residenza signorile della famiglia, che fino a quel momento abitava il Palazzo dell’Arengo vicino al Duomo. L’area del Castello verrà allora ampliata e dotata di un fossato, di giardini e di un grande parco verso nord.Restaurato in stile storicista da Luca Beltrami tra il 1890 e il 1905.Oggi è sede di importanti istituzioni culturali e meta turistica. ed è uno dei più grandi castelli d'Europa. MI

Castello Sforzesco di Vigevano

Il Castello di Vigevano è un tutt'uno con la Piazza Ducale che funge da regale atrio d'ingresso. Si può considerare una piccola città nella città, essendo per estensione uno dei più grandi complessi fortificati d'Europa.Il primo nucleo risale all'età longobarda (VII-X secolo), mentre la sua trasformazione in residenza signorile si deve ai Visconti (in particolare a Luchino Visconti) e agli Sforza in particolare a Ludovico il Moro.Alla sua realizzazione contribuirono sicuramente artisti come Bramante e si pensa anche Leonardo. Tra il 1492 e il 1494 i lavori erano terminati. Con la fine della dinastia sforzesca (1535) il castello passò agli spagnoli e iniziò un lento declino.Nel 1696 i plenipotenziari dei governi europei convenuti per firmare la pace di Vigevano lo dichiarano inagibile e quando agli inizi del Settecento diventa sede di una guarnigione dell'esercizio austriaco cominciano le trasformazioni radicali.Verso la metà dell'Ottocento diventa Caserma dell'Esercito Sardo e quindi del Regio Esercito Italiano e rimane sede militare fino al 1968. PV

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.