Il Club 27: Hendrix Cobain Morrison Joplin Winehouse Jones

12/2 ORE 15:00 - 20:00 @ ONO Arte Contemporanea - Bologna

Il Club 27: Hendrix Cobain Morrison Joplin Winehouse Jones

ONO arte contemporanea è lieta di presentare la mostra “Il Club 27: Jimi Hendrix, Kurt Cobain, Jim Morrison, Janis Joplin, Amy Winehouse, Brian Jones, Jean-Michel Basquiat”, una mostra collettiva che attraverso il mito del cosiddetto “Club dei 27” vuole celebrare alcuni tra i più importanti artisti della storia della musica deceduti alla stessa età, per l’appunto 27 anni.

Le ragioni sono le più svariate: abuso di droga, alcol, omicidio o suicidio.

La morte di celebri musicisti ventisettenni tra il 1969 e il 1971 ha portato alla convinzione che i decessi siano più comuni a questa età e che ci sia una sorta di “picco statistico” tra gli artisti all’età di 27 anni.

Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison morirono infatti tutti a 27 anni, tra il 1969 e il 1971. All’epoca la coincidenza suscitò qualche commento, ma fu solo con la morte di Kurt Cobain, nel 1994, che l’idea di un “Club 27” ha cominciato a prendere piede nella percezione pubblica, trasformandosi in un mito alimentato dai media.

Nel 2011, diciassette anni dopo la morte di Cobain, Amy Winehouse morì all’età di 27 anni e ancora una volta si rinnovò l’interesse nei confronti del “27 Club”. Solo tre anni prima, la cantautrice aveva espresso il timore di morire a quell’età.

In molti di questi casi rimane aperta la domanda su cosa avrebbero fatto negli anni a seguire. Hendrix, Cobain e Basquiat avevano progetti a breve e lungo termine per la loro carriera, così come un’idea concreta di come si sarebbe sviluppata la loro arte e, di conseguenza, possiamo immaginare come questa avrebbe influito sulla cultura popolare.

La mostra (13 dicembre – 24 febbraio) è un pretesto per indagare alcune tra le grandi icone della musica che hanno influenzato la cultura popolare fino ai giorni nostri. È composta da 40 opere, alcune in esclusiva italiana, di Jill Furmanovsky, Michael Lavine, Charles Peterson,Terry O’Neill, Baron Wolman, Lee Jaffe, James Fortune, Guy Webster.

Ti servono: zero EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Estragon Club

Dal 1992 solo grande musica dal Vivo nel bel mezzo del parco nord di bologna!!!!E quante ne son successe da quelle parti negli ultimi 20 anni....MA COME SI ARRIVA???In Autobus Prendere la linea 25 fino alla fermata PARCHEGGIO PARCO NORD e proseguire all'interno del Parco fino all'Estragon (a piedi 500 mt. circa). Prendere la linea 68 ed arrivate fino al capolinea al CAMPING CITTA' di BOLOGNA, da lì si entra (solo a piedi) dall'ingresso di servizio del Parco Nord (a piedi 300 mt. circa)se no in machina vabbe arrangatevi o guardate il sito internettt che è fatto bene... BO

ONO Arte Contemporanea

Galleria dedicata all'arte in tutte le sue forme: fotografia, videoarte, grafica, installazioni, libri, oggetti di design e abbigliamento, documentari, musica, vinili.E' nata dall’idea che la galleria debba oggi soddisfare un pubblico molto più vasto e variegato: per questo, al suo interno – pensato come un vero e proprio concept store – trovano spazio un bookshop, un music shop e un lounge bar.Le mostre, allestite nello spazio che si sviluppa su diversi livelli, sono prevalentemente di fotografia e sono incentrate soprattutto sulla musica, la moda e, in generale, su tutte quelle icone che hanno influenzato la cultura popolare dagli anni Sessanta ai giorni nostri, con numerosi eventi collaterali come presentazioni di libri, romanzi, fumetti, proiezioni e conferenze. BO

PalaSavena

La struttura è polivalente, e ospita manifestazioni sportive (tra le quali allenamenti e gare della Zinella Volley Bologna, Hic sunt leones basket 1970, Bradipi, ovvero basket in carrozzina, e CSR Ju Jitzu Bologna), concerti e congressi. BO

Palazzo Grassi

E' uno degli edifici più rappresentativi ed esclusivi della città di Bologna per l'antica origine medievale.Il palazzo un tempo apparteneva alla famiglia Canonici, ma fu acquistato dalla famiglia Grassi nel 1466, e rimase con i loro discendenti fino al 1848. Nel 1478, la famiglia fu onorata con il titolo di Conti Palatini del Sacro Romano Impero da Federico III, Sacro Romano Imperatore. Nel 1865, il palazzo fu acquistato dai militari.Rappresenta un caratteristico esempio dell'edilizia bolognese del XIII secolo.La facciata è caratterizzata dal portico a stilate a travature scoperte con sporti sui quali si eleva il muro di mattoni a faccia a vista su cui si intaglia una grande porta originale duecentesca.Il palazzo, restaurato tra 1910 e 1913, è oggi sede del Circolo Unificato dell’Esercito. BO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO