Il Morbo di Violetta

13/2 ORE 9:00 - 13:00 @ Museo per la Storia dell'Università di Pavia - Pavia

Il Morbo di Violetta

Il Sistema Museale dell’Università di Pavia celebra con una mostra allestita presso il Museo per la Storia il centenario dalla morte di Carlo Forlanini, il primo clinico a proporre un metodo di cura efficace per la tubercolosi polmonare: il pneumotorace artificiale.

Carlo Forlanini, nato nel 1847 a Milano, fu prima studente, e allievo del Collegio Borromeo, poi docente dell’Università di Pavia. Interrotti gli studi per arruolarsi volontario nelle truppe garibaldine, partecipò alla battaglia vittoriosa di Bezzecca; rientrato a Pavia, i suoi studi sembrarono concentrarsi per un periodo sull’oftalmologia, per poi dirigersi con decisione sulla clinica e patologia respiratoria.
Tragicamente rimasto orfano di madre, malata di tisi, in età infantile, si dedicò allo studio di metodologie per il trattamento della tubercolosi e giunse a proporre nel 1882 l’uso del pneumotorace artificiale a scopo curativo.

Forlanini si adoperò quindi con costanza allo sviluppo della tecnica da lui ideata, disegnando egli stesso gli strumenti necessari, spesso consultandosi con il fratello ingegnere, Enrico, e supportato dal fratello Giuseppe, primario dell’Ospedale Maggiore di Milano.

Fu solo nel 1912, tuttavia, al Congresso internazionale contro la tubercolosi tenutosi a Roma, che la validità del pneumotorace artificiale come terapia tubercolare riconosciuta ufficialmente. Il congresso coronò trenta anni di studio e di ricerca, che avevano portato grandi benefici ad innumerevoli pazienti.

Nella sala per le mostre temporanee del Museo per la storia i visitatori verranno guidati attraverso una breve storia della tubercolosi nel corso dei secoli.
Si parlerà dei sanatori, luoghi dalle caratteristiche architettoniche studiate appositamente per favorire il miglioramento delle condizioni di salute dei pazienti, e della vita che vi si svolgeva; si scopriranno i metodi di prevenzione e informazione messi in atto per fermare il diffondersi del morbo, con un’analisi delle campagne comunicative antitubercolari; la visita si concluderà infine con alcuni dati sull’incidenza della malattia oggigiorno.

Nella mostra sarà possibile osservare gli strumenti ideati da Forlanini per indurre il pneumotorace artificiale e documenti originali del clinico. Uno spazio sarà dedicato a musica e letteratura, a testimonianza del profondo segno lasciato dalla malattia nell’arte. Il percorso sarà inoltre arricchito da una video presentazione di opere pittoriche e fotografiche che, spaziando per un arco di tempo di quattro secoli, rappresenterà aspetti emotivi ma anche terapeutici della malattia.

Alcuni oggetti in esposizione provengono da importanti istituzioni di Pavia: Collegio Borromeo, di cui Forlanini era stato allievo dal 1864, Archivio storico dell’Università, Biblioteca Universitaria, Museo Camillo Golgi e Museo di Storia Naturale dell’Università, Musei Civici.

Durata: 22 Ottobre 2018 – 23 Marzo 2019
Location: Museo per la Storia dell’Università di Pavia

Ti servono: 4/6 EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Castello Visconteo – Musei Civici Pavia

Costruito nel 1360 da Galeazzo II Visconti. I Visconti vollero anche disegnare un grandioso parco di caccia, che si estendeva originariamente per una decina di chilometri, fino alla Certosa di Pavia; oggi parte del territorio del parco è ancora presente, ma non più collegato al castello, e chiamato Parco della Vernavola. PV

Cinema Multisala Orfeo

Aperto nel 1936 viene danneggiato dai bombardamenti del 1943 (anno in cui si interrompe la programmazione). Riapre nel 1949.Il locale, nella versione del dopoguerra, conta circa 2500 posti ed è dotato di uno schermo gigantesco.E' il più grande di Milano ed uno dei più grandi d'Europa.A partire dai primi anni '50 la sala si colloca dapprima (per pochi anni) tra i locali di seconda visione, poi torna a far parte dei numerosi cinema di terza visione. Alla fine del 1959 riguadagna la propria collocazione tra i cinema di seconda visione.Dal 1987 la grande sala viene promossa tra quelle di prima visione.A partire dagli anni '80 la sala ospita anche numerosi importanti concerti jazzistici: Gerry Mulligan con la sua orchestra, Stan Getz, Dizzy Gillespie, il quartetto di Ornette Coleman con Don Cherry, James Brown, Lou Fleed, Al Jarreau, Susan Vega, Tori Amos, Leonard Cohen, Tina Turner, Pat Metheny, Sonny Hollins, Paco De Lucia, Gipsi King ed anche molti artisti italiani tra i quali: Riccardo Cocciante, Francesco De Gregori, Fausto Leali, Gino Paoli, Ornella Vanoni, Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni.L'Orfeo si adatta ai tempi nuovi ristrutturandosi in multisala. La nuova struttura inaugurata nel Dicembre del 2004 può contare sulla Sala Rossa, 720 posti con lo schermo più grande di Milano, la Sala Blu e la Sala Verde di eguali dimensioni (290 posti).Tutte le sale sono dotate di impianti al top, con proiezioni digitali in 3D, in 2K e 4K, e con impianti sonori Dolby Surround 7.1. L'Orfeo è tra i pochi locali storici sopravvissuti fino ai nostri giorni. MI

Musicolepsia

Qui si respira e si vive di musica: sale prova e di registrazione certificate, eventi live e ristorante tutto in uno. MI

Ponte Coperto (Vecchio)

Il Ponte Coperto (chiamato anche Ponte Vecchio) costruito originariamente nel Medioevo fu bombardato nella Seconda Guerra Mondiale e successivamente ricostruito nel dopoguerra.Si trova a Pavia, una città lombarda, e collega il centro storico con il resto della città che si trova sull’altra riva.Il fiume si chiama Ticino perché proviene dal Canton Ticino nella Svizzera ed è uno dei maggiori affluenti del Po.Il ponte ha cinque arcate ed è coperto. Dalla passeggiata sul ponte si può godere la vista del del fiume e della città. PV

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO