Il Presepe di Strà

9/12 ORE 14:30 - 18:00 @ Santuario della Beata Vergine Madre delle Genti - Strà Alta Val Tidone
5/5 (7)

Il Presepe di Strà

Quest’anno il Santuario della Beata Vergine Madre delle Genti di Strà ospita per il 35° anno il Presepe di Strà.

Il presepe animato, meccanico-elettronico del Santuario di Strà è un’ opera unica nel suo genere.

La particolarità che lo contraddistingue sono i 30 movimenti meccanici artigianali che animano i personaggi, realizzati con materiali di recupero dall’artigiano locale Saverio Zanetti. Il presepe occupa una superficie di circa 20 metri quadrati, in uno spazio all’interno del Santuario. E’ in stile tradizionale costruito interamente con materiali, lavorati artigianalmente. E’ così che oggetti di uso quotidiano, parti di elettrodomestici, girarrosto, imbuti, fanali di bicicletta, parti di auto o moto, ingranaggi, viti e aste recuperate da biciclette, affettatrici, macchine da scrivere permettono ai personaggi quali: fabbro, falegname, pescatore, boscaiolo, vasaio, le galline sull’aia, ed a tanti altri di prendere vita… L’ingegno e la passione uniti all’arte e alla devozione di fare il Presepe rendono quello del Santuario di Strà una riproduzione curata nei minimi dettagli particolarmente significativa. L’allestimento in stile tradizionale è eseguito con estrema cura con materiali naturali, piante e fiori, accessori in miniatura, personaggi animati e particolari giochi di luce.

Inoltre nella cripta verrà allestita una mostra con oltre 50 presepi nella cripta con le creazioni di artisti presepisti e dei bambini e ragazzi delle scuole della Val Tidone e non solo.

Orari:
8/24 Dicembre: 14:30/18 (prefestivi e festivi)
fino al 6 Gennaio: 14:30/18 (tutti i giorni)

L’ingresso è ad offerta libera

X INFO: INTENETTT | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano

Da chiesa paleocristiana a chiesa romanica a chiesa barocca ad auditorium per la cultura, scambio, dialogo, riflessione, incontro, arte, vita nel pieno centro di piacenza???E' esattamente quel che è successo al 12 di Via Sant'Eufemia!!!! PC

Castello di Belgioioso

Il Castello di Belgioioso fu probabilmente fondato da Galeazzo II nella seconda metà del secolo XIV in un'estesa proprietà dei Visconti nel territorio ove in seguito sorse il paese di Belgioioso. Il nome "Zoioso" fu forse attribuito al castello per l'amenità del luogo e per la felicità che un tempo doveva recare il soggiorno in quella terra. Il duca Gian Galeazzo II vi soggiornò ripetutamente; tanto cara gli era la dimora a Belgioioso che, con una sua lettera del 22 dicembre 1393, proibì la caccia ai cervi e a qualsiasi altra selvaggina fino a Bereguardo-Vigevano e Abbiategrasso. Inoltre questo provvedimento è citato anche nel famoso testamento del 1397 in cui il Duca ordina che per rimedio e suffragio dell'anima sua si edifichi un monastero, casa e chiesa certosina, sul territorio pavese "in loco turris de Mangano". Il duca però escludeva dalle donazioni ai certosini il grandissimo parco presso il Castello di Pavia e le possessioni di Bereguardo e Belgioioso. PV

Municipio

Palazzo Ex Enel

L’immobile, di proprietà della Fondazione di Piacenza e Vigevano, è inaugurato il 31 gennaio 2020; per il taglio del nastro una mostra dedicata al collezionismo del secondo Novecento, ispirata anche dalla vicinanza con la Galleria Ricci Oddi.La facciata è ben visibile da via Santa Franca: è stata dipinta utilizzando tre tonalità di grigio ispirate a Morandi e in accordo con la Soprintendenza.Il grande intervento di recupero trasforma Palazzo Ex Enel dei primi decenni del Novecento in un grande spazio polifunzionale destinato soprattutto all’arte contemporanea e ai giovani. Piacenza si arricchisce di un nuovo spazio espositivo per raccontare il tempo presente: XNL Piacenza Contemporanea. PC

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO