Il Presepio Meccanico Elettronico di Vigoleno

11/1 ORE 9:00 - 18:00 @ Borgo Medievale di Vigoleno - Vernasca

Il Presepio Meccanico Elettronico di Vigoleno

Il 25 Dicembre, dopo la tradizionale messa di mezzanotte, nel Borgo di Vigoleno verrà aperto al pubblico il Presepio Meccanico Elettronico, che resterà in funzione fino al 27 Gennaio 2019.

Il tradizionale presepio è collocato in una piccola casa del borgo medioevale di cui occupa quasi interamente una stanza. Percorrendo lo stretto vicolo che scende a fianco dell’oratorio della Vergine delle Grazie, ci si imbatte in una ripida scala che conduce all’ingresso della casetta. Lo spazio è così limitato che, per visitare il presepio, occorre seguire un senso unico: si entra da una porta e si esce da un’altra porta. Davanti al piccolo edificio si trova un suggestivo terrazzo panoramico a strapiombo sulla valle.

Il presepio nasce nel 1989, dalla bravura e dall’impegno di artigiani locali che ogni anno lo rinnovano e ne curano la manutenzione. Attualmente comprende 32 movimenti, 39 motorini e 6 pompe ad acqua con un ciclo del giorno e della notte della durata di 7 minuti.

Dal 1992, il Presepio di Vigoleno è iscritto all’Associazione Italiana Amici del Presepio.

Apertura:
Dal 25 Dicembre 2018 al 27 Gennaio 2019

Orario:
Sabato e festivi dalle 9 alle 18
Feriali (0523/895146)

L’ingresso è aggratis! Per info chiamare!

Ti servono: zero EURI!!!

X INFO: FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Castell’Arquato

L’antico borgo di Castell’Arquato sorge in una posizione molto significativa dal punto di vista geologico-morfologico. Si trova infatti al passaggio tra l’area collinare e la vera e propria pianura, in prossimità del torrente Arda su una sorta di terrazzo naturale che domina dall’alto le aree circostanti e assicura una protezione anche dalle esondazioni del corso d’acqua.Il centro abitato sorge su sedimenti molto antichi, depositi marini che conferiscono a queste zone un significato del tutto eccezionale per l’abbondanza di testimonianze fossili.Insieme, queste caratteristiche, rendono il comune di Castell’Arquato un territorio a forte vocazione sia agricola, soprattutto per la vitivinicoltura, sia turistico-commerciale. Già nell’antichità era praticata la viticoltura, favorita sia dall’esposizione solare a sud-est dei versanti collinari sia dalla composizione del terreno.Una celebre testimonianza della bontà del vino di Castell’Arquato si deve a papa Paolo III Farnese che nel 1543, visitando il borgo, ebbe in dono 12 some di di buon vino rosso. Il dono fu tanto gradito al Papa che oggi sono ancora famose le parole del suo dispensiere: “Castell’Arquato fa vini perfettissimi et é grande peccato che tutta quella collina non sia vigna, che qui sono così delicati quanto sia in tutta la Lombardia, tanto rosso, quanto bianchi et qui Sua Beatitudine si forniva per il viaggio et anco ne mandava a pigliare anche se fosse a Ferrara et a Bologna”. PC

Castello di Rivalta

Il castello di Rivalta è un imponente complesso fortificato che si trova a Rivalta, frazione del comune di Gazzola, in provincia di Piacenza.Posto su una ripida scarpata (ripa-alta) prospiciente la riva del fiume Trebbia, ha una posizione di poco elevata ma che consente un'ampia panoramica sul greto, che in questo punto è molto ampio, e la campagna circostante.Visitabile tutto l'anno! Frequenti gli eventi per tutti! PC

Castello Pallavicino di Varano de’ Melegari

Fortezza che sorge nel paese di Varano de' Melegari in provincia di Parma, sul versante settentrionale della val Ceno.Il castello si erge su uno scoglio di arenaria, in posizione strategica per il controllo della vallata del Ceno, e rappresenta uno dei migliori e più affascinanti esempi di architettura a carattere difensivo. PR

Grazzano Visconti

Fortilizio situato in provincia di Piacenza nel comune di Vigolzone. Fu costruito nel 1395, forse su una struttura preesistente, da Giovanni Anguissola per risiedervi con la moglie Beatrice Visconti, sorella di Gian Galeazzo Visconti.Rimane proprietà della famiglia Anguissola fino al 1870 quando il conte Filippo muore senza lasciare eredi e il castello passa alla moglie Fanny nata Visconti di Modrone, che ne sono gli attuali proprietari.Oggi richiama ogni anno migliaia visitatori da tutto il mondo ed è sede di numerosi Festival come quello dei Gufi o quello della Birra. PC

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO