Il Presepio Meccanico Elettronico di Vigoleno

12/1 ORE 9:00 - 18:00 @ Borgo Medievale di Vigoleno - Vernasca

Il Presepio Meccanico Elettronico di Vigoleno

Il 25 Dicembre, dopo la tradizionale messa di mezzanotte, nel Borgo di Vigoleno verrà aperto al pubblico il Presepio Meccanico Elettronico, che resterà in funzione fino al 27 Gennaio 2019.

Il tradizionale presepio è collocato in una piccola casa del borgo medioevale di cui occupa quasi interamente una stanza. Percorrendo lo stretto vicolo che scende a fianco dell’oratorio della Vergine delle Grazie, ci si imbatte in una ripida scala che conduce all’ingresso della casetta. Lo spazio è così limitato che, per visitare il presepio, occorre seguire un senso unico: si entra da una porta e si esce da un’altra porta. Davanti al piccolo edificio si trova un suggestivo terrazzo panoramico a strapiombo sulla valle.

Il presepio nasce nel 1989, dalla bravura e dall’impegno di artigiani locali che ogni anno lo rinnovano e ne curano la manutenzione. Attualmente comprende 32 movimenti, 39 motorini e 6 pompe ad acqua con un ciclo del giorno e della notte della durata di 7 minuti.

Dal 1992, il Presepio di Vigoleno è iscritto all’Associazione Italiana Amici del Presepio.

Apertura:
Dal 25 Dicembre 2018 al 27 Gennaio 2019

Orario:
Sabato e festivi dalle 9 alle 18
Feriali (0523/895146)

L’ingresso è aggratis! Per info chiamare!

Ti servono: zero EURI!!!

X INFO: FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

ANTICA CORTE PALLAVICINA

Dal 1320 per quasi sette secoli, un palazzo signorile si affaccia sul fiume Po e ne raccoglie l'umidità benefica per far stagionare il re dei salumi, il Culatello. E' l'Antica Corte. Un tempo dei marchesi Pallavicino, oggi dei fratelli Spigaroli.Visto dall'argine maestro, il Palazzo delle Due Torri (la storia lo chiama così) quel giorno dell'ottobre 2000 sembrava una nave alla deriva destinata ad affondare. La grande piena lo avviluppava, in parte lo sommergeva.Poi l'acqua se n'è andata, è ritornata a scorrere tranquilla nel letto del fiume. L'estate successiva, come sempre, il bestiame pascolava nella golena, il pavone faceva la ruota, il gallo chiamava a raccolta il proprio harem, il maiale grufolava nel granturco.Dal Palazzo, l'Antica Corte Pallavicina, incominciava a trasparire un'attività nuova che vagamente si sovrapponeva alla quotidianità contandina. Nelle vecchie cantine, già da tempo centinaia di culatelli erano messi a stagionatura. Al pian terreno dal salnitro, miracolosamente, sui muri e i soffitti riaffioravano decorazioni. Il muratore batteva lento il taglio del badile nella calcina. Il falegname misurava porte e finestre fischiettando passate arie da balera. Il restauro era nell'aria, si muoveva leggero come un folletto.Oggi è una realtà. Il tempo è passato in fretta. Massimo e Luciano stanno per corornare un altro loro sogno. L'Antica Corte Pallavicina apre ufficialmente i battenti. Sarà il tempio padano dello "slow trip", come scherzosamente diceva Gérard Depardieu in una sua recente visita. Si gusteranno cibi prelibati e ci si potrà anche dormire, in una delle sei bellissime camere al primo piano, con vista Po e golena.Speriamo che ci sia il sole, ma è certo che tornerà sempre la nebbia. PR

Castell’Arquato

L’antico borgo di Castell’Arquato sorge in una posizione molto significativa dal punto di vista geologico-morfologico. Si trova infatti al passaggio tra l’area collinare e la vera e propria pianura, in prossimità del torrente Arda su una sorta di terrazzo naturale che domina dall’alto le aree circostanti e assicura una protezione anche dalle esondazioni del corso d’acqua.Il centro abitato sorge su sedimenti molto antichi, depositi marini che conferiscono a queste zone un significato del tutto eccezionale per l’abbondanza di testimonianze fossili.Insieme, queste caratteristiche, rendono il comune di Castell’Arquato un territorio a forte vocazione sia agricola, soprattutto per la vitivinicoltura, sia turistico-commerciale. Già nell’antichità era praticata la viticoltura, favorita sia dall’esposizione solare a sud-est dei versanti collinari sia dalla composizione del terreno.Una celebre testimonianza della bontà del vino di Castell’Arquato si deve a papa Paolo III Farnese che nel 1543, visitando il borgo, ebbe in dono 12 some di di buon vino rosso. Il dono fu tanto gradito al Papa che oggi sono ancora famose le parole del suo dispensiere: “Castell’Arquato fa vini perfettissimi et é grande peccato che tutta quella collina non sia vigna, che qui sono così delicati quanto sia in tutta la Lombardia, tanto rosso, quanto bianchi et qui Sua Beatitudine si forniva per il viaggio et anco ne mandava a pigliare anche se fosse a Ferrara et a Bologna”. PC

Galleria Alberoni

Ambiente prestigioso, costruito su progetto dell’architetto Vittorio Gandolfi negli anni ’60 del secolo scorso per accogliere una raccolta strepitosa di diciotto arazzi, fra le più importanti non solo in Italia, e la ricca pinacoteca alberoniana.Sottoposta recentemente a una radicale ristrutturazione si presenta oggi perfettamente idonea sia quale museo e spazio per mostre d’arte temporanee, sia quale prestigiosa sede di concerti, convegni, conferenze, congressi, coerentemente con la vocazione originaria di aula magna della sala arazzi. PC

Hotel San Marco & Formula Club Parma Ovest

Hotelazzo a quattro stelle proprio a fianco dello svincolo di Parma Ovest... PR

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO