Il secondo principio di Banksy

30/11 ORE 10:00 - 19:00 @ Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura - Genova

BANKSY 1230x460 Il secondo principio di Banksy

Nessuno lo ha mai visto, nessuno conosce il suo viso, non circolano foto che lo mostrino: eppure Banksy conquista il mondo attraverso opere di inaudita potenza etica, evocativa e tematica.
Nato a Bristol intorno al 1974 e inquadrato nei confini generici della Street Art, Banksy rappresenta un esemplare caso di popolarità per un artista vivente dai tempi di Andy Warhol. Ad oggi è considerato il più grande artista globale del nuovo millennio.
Come è stato ribadito da molte firme internazionali, Banksy rappresenta la miglior evoluzione della Pop Art originaria, l’unico che ha connesso le radici del Pop, la cultura hip hop, il graffitismo anni Ottanta e i nuovi approcci del tempo digitale.

Il titolo della mostra trova origine nelle parole dello stesso artista: “Se vuoi dire qualcosa e vuoi che la gente ti ascolti, allora indossa una maschera. Se vuoi essere onesto allora devi vivere una bugia”. In seguito aggiunse anche: “Non saprete mai chi sono e ogni verità che dirò sarà mascherata da bugia”.
Secondo queste due affermazioni, il primo principio stabilisce che Banksy abbia qualcosa da dire, il secondo che quanto ha da dire sia una verità che – però – viene presentata sotto forma di menzogna. Una contraddizione irrisolvibile che rende Banksy uno degli artisti più veritieri e profondi del nostro tempo.⠀

Oltre 1oo opere e oggetti originali analizzano la poetica del MISTERIOSO STREET ARTIST BRITANNICO all’interno di un percorso espositivo ricco di schede testuali e video affinché il pubblico possa scoprire l’artista nelle sue molteplici angolazioni.
Dal capitalismo alla guerra, dal controllo sociale alla libertà, dalla gioventù all’ambiente: la mostra è un viaggio nell’immaginario di Banksy attraverso i temi ricorrenti delle sue opere e le criticità del nostro tempo.

Serigrafie:
Oltre trenta serigrafie riproducono alcune tra le più famose immagini dell’artista, molte delle quali usate nei suoi interventi all’aperto. Le serigrafie sono considerate dallo stesso Banksy vitali per diffondere i suoi messaggi di denuncia.
Tra queste troviamo alcune delle sue immagini più conosciute come Girl with Balloon, Napalm e Flower Thrower.

Dipinti a mano libera e stencil:
In esposizione alcuni dipinti e numerosi stencil sfrutto della primissima fase della carriera di Banksy.

Oggetti installativi:
Sono le opere provenienti da Dismaland, un apocalittico parco tematico – aperto da Banksy nel 2015 a Weston Super-Mare in Inghilterra – e altri oggetti.
Mickey Snake, topolino ingoiato da un pitone, è tra questi: una chiara denuncia alla Disney, accusata da Banksy di rappresentare un mondo irreale e favolistico.

Pezzi da collezione:
Completano la mostra diversi poster da collezione, le banconote di Banksy of England, alcune t-shirt rarissime e i progetti di copertine di cd e vinili.

Ti servono: 10/8/4 EURI!!!

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Acquario di Genova

L'Acquario di Genova è il più grande acquario italia,o in Europa, dopo quello di Mosca, in Russia e quello di Valencia, in Spagna e il nono nel mondo. Si trova a Ponte Spinola, nel cinquecentesco porto antico di Genova.Di proprietà di Porto Antico di Genova SpA e gestito dalla società Costa Edutainment SpA, è stato inaugurato nel 1992 in occasione delle Colombiadi, ossia della Expo celebrativa del cinquecentesimo anniversario della scoperta dell'America. La progettazione della struttura e dell'area limitrofa è dell'architetto Renzo Piano, l'allestimento degli interni è stato curato dall'architetto Peter Chermayeff. Successivamente è stato a più riprese ampliato. Al momento della sua inaugurazione era il secondo Acquario più grande al mondo. Dall'apertura al 2014 è stato visitato da oltre 25 milioni di visitatori, con una media di 1,2 milioni all'anno. GE

Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura

E' il principale centro di produzione culturale di Genova: mostre d’arte, convegni, cicli di incontri, attività didattiche, sono le attività del Palazzo. GE

Porto Antico di Genova

Il Porto Antico di Genova a guardarlo oggi può sembrare una commercialata turistica per giapponesi in gita...Somma tutto il discorso renzo piano... La biosfera, l'acquario, il bigo, eataly, il multisala.. E pure il galeone di Polanski non è che dia un impressione proprio d'autentica antichità...Ma poi se uno guarda un po' meglio...La cinquecentesca Porta Siberia, I Magazzini del cotone, La casa del boia, Palazzo san giorgio e piazza del caricamento....Perchè Genova è così ragazzi...basta saper guardare dalla parte giusta... GE

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.