La Sindone e la sua Immagine – Storia, arte e devozione

7/12 ORE 10:00 - 18:00 @ Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja - Torino

La Sindone e la sua Immagine - Storia, arte e devozione

La Sindone e la sua Immagine – Storia, arte e devozione

A Palazzo Madama di Torino dal 28 Settembre 2018 al 21 Gennaio 2019

Il percorso espositivo ripercorre la storia della Sindone e le diverse funzioni delle immagini che l’hanno riprodotta nel corso di cinque secoli, da quando il Sacro Lino fu trasferito da Chambéry a Torino nel 1578, per volere di Emanuele Filiberto di Savoia.

Le raffigurazioni della Sindone realizzate dal momento del suo arrivo in Piemonte fino al principio del 1900 hanno svolto svariate finalità: immagini celebrative dinastiche in ricordo di Ostensioni avvenute in particolari festività ed eventi politici, oppure legate a avvenimenti storici; lavori di alto livello esecutivo accanto ad altri più popolari dagli evidenti scopi devozionali.

Opere prodotte con tecniche diverse – incisioni, disegni e dipinti su carta, su seta o su pergamena, ricami e insegne processionali – dove la Sindone è presentata secondo rigidi modelli iconografici che lasciano, però, spazio alla fantasia dell’artista per l’ambientazione e la decorazione.

All’interno delle scene dipinte si alternano svariati personaggi storici, sia ecclesiastici sia della famiglia reale, le forme dei baldacchini, le immagini di carattere devozionale in cui il lenzuolo è sorretto dalla Madonna e dai Santi, le architetture effimere predisposte per la sua presentazione ai pellegrini in Piazza Castello, i simboli della Passione, le ghirlande fiorite e gli oggetti destinati alla devozione privata e al mercato dei souvenir. In apertura troviamo il grande dipinto a olio su tela di Pieter Bolckmann del 1686, raffigurante Piazza Castello affollata in occasione dell’Ostensione del 1684 per il matrimonio di Vittorio Amedeo II con Anna d’Orléans.

Dal Museo della Sindone provengono oggetti significativi come la cassetta che servì a trasportare la reliquia a Torino nel 1578 e la macchina fotografica da campo utilizzata da Secondo Pia, il primo a documentare fotograficamente la Sindone nel 1898.

L’allestimento è ambientato nella Corte Medievale di Palazzo Madama, suggestivo ambiente fatto edificare da Cristina di Francia nel 1636, dove sulla parete di fondo è ben visibile un affresco raffigurante l’Ostensione della Sindone organizzata nel 1642 per celebrare la fine delle ostilità tra la stessa Madama Reale, reggente per il figlio Carlo Emanuele II, e i suoi cognati, il Principe Tommaso e il Cardinale Maurizio.

Ti servono: 8/10 EURI!!!

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO TROVA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

Nelle vicinanze

Borgo Medievale Torino

Il Borgo Medievale è un open air museum, patrimonio storico della Città di Torino.Fedele e perfetta riproduzione di un villaggio medievale piemontese del 1400.Un vero e proprio archivio storico da visitare.Situato nel Parco del Valentino sul fiume Po. TO
Borgo Medievale Torino

Cityplex Massaua

Inaugurato il 5 Ottobre 2017, è la la prima sala torinese con il sonoro Dolby Atmos.In Europa sono circa trecento gli impianti Dolby Atmos installati, ed appena ventuno in Italia.Situato a due passi dalla fermata delle Metro Massuasa. TO
Cityplex Massaua - Torino

GAM Torino

La Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, anche conosciuta come GAM, è il più antico museo d’arte moderna d’Italia.Fu fondata attorno al 1891-95 ed ospita 45mila opere tra dipinti, sculture, installazioni, fotografie, disegni, incisioni e video d'artista. TO
GAM Torino

Museo dell’automobile di Torino

Nato nel 1932 da un’idea di Carlo Biscaretti di Ruffia, pioniere dell’industria automobilistica italiana, viene inaugurato il 3 novembre 1960.Questo è l’unico Museo Nazionale del genere, la cui sede progettata appositamente rappresenta un esempio di architettura moderna.Il Museo presenta una collezione di quasi 200 automobili originali, dalla metà dell’Ottocento ai giorni nostri.Riaperto nel 2011 dopo i restauri e con il nuovo allestimento di François Confino, che permette al visitatore di fare un viaggio nella storia ed evoluzione dell’auto e della società moderna. TO
Museo dell'automobile di Torino

AGGIUNGI UN POSTO oppure INCORPORA SUL TUO SITO