Nel mirino: l’Italia e il mondo nell’Archivio Publifoto 1939‑1981

25/5 ORE 11:00 - 19:00 @ Camera Centro Italiano per la Fotografia - Torino
5/5 (1)

Nel mirino: l’Italia e il mondo nell’Archivio Publifoto 1939‑1981

Nel mirino: l’Italia e il mondo nell’Archivio Publifoto 1939‑1981

La mostra fotografica sulla prima organica ricognizione sullo straordinario patrimonio dell’Agenzia, acquisito nel 2015 da Intesa Sanpaolo che, attraverso il proprio Archivio storico, lo conserva, restaura, studia e valorizza anche con il supporto di esperti, come è avvenuto in occasione della realizzazione di questa mostra.

Curata da Aldo Grasso e Walter Guadagnini, l’esposizione – realizzata da CAMERA con Intesa Sanpaolo nell’ambito di Progetto Cultura, il programma triennale delle iniziative culturali della Banca – presenta alcuni degli episodi cruciali della storia e della cronaca italiane e mondiali in un periodo che va dal 1939, anno in cui Vincenzo Carrese volle chiamare “Publifoto” la sua agenzia – nata a Milano nel 1936 con il nome Keystone, fino al 1981, anno della scomparsa del fondatore.

Quasi mezzo secolo di eventi raccontati attraverso circa duecento immagini realizzate dai fotografi di quella che è stata per un lungo periodo l’agenzia fotogiornalistica più importante del paese.

Location:
Camera Centro Italiano per la Fotografia – Torino

Durata:
13 Aprile – 7 Luglio 2019

Orari di apertura:
Lunedì 11.00–19.00
Martedì chiuso
Mercoledì 11.00–19.00
Giovedì 11.00–21.00
Venerdì 11.00–19.00
Sabato 11.00–19.00
Domenica 11.00–19.00

Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura

Ti servono: 6/10 EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Camera Centro Italiano per la Fotografia

Uno spazio espositivo.Un osservatorio sulla fotografia nazionale e internazionale.Una piattaforma di incontro e ricerca. TO

Cinema Multisala Reposi

Costruito nel 1946 da Amedeo Reposi, il cui padre, vero e proprio pioniere, già nel 1906 si occupava di cinematografia, il Cinema Teatro Reposi è stato per oltre cinquant’anni uno dei più prestigiosi locali di pubblico spettacolo in Italia, in virtù dei suoi 2700 posti, della sua forma a interno di uovo con il soffitto apribile e delle tante soluzioni d’avanguardia come l’accesso alla platea e alla galleria senza gradini.Trasformato in multisala alla fine degli anni Novanta, ma sempre ubicato nel cuore della città, questo storico locale si presenta oggi completamente rinnovato e in grado di rispondere alle nuove esigenze del pubblico, grazie ai suoi sette schermi e alla modernizzazione di tutti gli impianti tecnici e di proiezione.Sede del Torino Film Festival per diversi anni fino al 2002, il Reposi è tornato ad accogliere i film e il pubblico del Tff nel 2011, confermandosi come uno dei luoghi storici della manifestazione e tuttora fondamentale. TO

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Residenza Sabauda per la Caccia e le Feste edificata a partire dal 1729 su progetto di Filippo Juvarra, la Palazzina di Caccia di Stupinigi è uno dei gioielli monumentali di Torino, a 10 km da Piazza Castello, in perfetta direttrice.Costruita sui terreni della prima donazione di Emanuele Filiberto all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (1573), è oggi proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano, un ente governativo dedicato alla sua conservazione e valorizzazione.Riaperta al pubblico dopo importanti lavori di restauro, la Palazzina di Caccia -fra i complessi settecenteschi più straordinari in Europa- ha piena dignità museale con i suoi arredi originali, i dipinti,i capolavori di ebanistica e il disegno del territorio.La costruzione della Palazzina di Caccia inizia nel 1729 su progetto di Filippo Juvarra, e continua fino alla fine del XVIII secolo con interventi di ampliamento e completamento di Benedetto Alfieri e di altri architetti quali Giovanni Tommaso Prunotto, Ignazio Birago di Borgaro, Ludovico Bo, Ignazio Bertola.Testimonianza eccezionale dello spirito del tardo Juvarra e di Benedetto Alfieri, si specchia e ritrova nel rococò internazionale delle residenze reali europee.È luogo di loisir per la caccia nella vita di corte sabauda, sontuosa e raffinata dimora prediletta dai Savoia per feste e matrimoni durante i secc. XVIII e XIX, nonché residenza prescelta da Napoleone nei primi anni dell’800.Agli inizi del XX secolo è scelta come residenza dalla Regina Margherita, e dal 1919 è anche sede del Museo dell’Arredamento.Costituisce l’elemento eminente del patrimonio storico-artistico mauriziano. TO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.