Oktoberfest Bologna 2019

10/10 ORE 19:00 - 23:55 @ Estragon Club - Bologna

Oktoberfest Bologna 2019

Dopo il grande successo delle edizioni precedenti, Estragon riporta al Parco Nord Oktoberfest Bologna per il settimo anno consecutivo, la festa che celebra il meglio della gastronomia e delle migliori birre bavaresi, create dai maestri birrai appositamente per l’OKTOBERFEST bavarese!
Quest’anno l’offerta delle birre presenti si amplia e saranno due weekend ad ospitare la manifestazione!!

Dal 3 al 5 e poi di nuovo l’11 e il 12 Ottobre l’Estragon si trasformerà nel più grande biergarten di Bologna, allestito per l’occasione come a Monaco, con 1000 posti!!
Si ritorna dove tutto ha avuto inizio, tra le mure amiche dell’Estragon e dove l’atmosfera di festa sarà CALDISSIMA!
Per 5 sere, birreria e ristorante aperti dalle 19.00 a notte fonda con il meglio della cucina bavarese:
spätzle con panna e speck
zuppa d’orzo e speck
3 tipici wurstel (Meraner, Bratwurst e Käsewurst)
la tipica cotoletta (Wiener Schnitzel)
lo stinco di maiale con i crauti e le patate fritte
spiedini di salsiccia bavarese con patate fritte
l’immancabile Bretzel!
lo strudel di mele

Ma Oktoberfest Bologna non è solo birra e gastronomia ma anche grande musica, ogni sera dal vivo sul palco il meglio delle bands originali bavaresi ed alcune favolose bands italiane:
Giovedì 3: band da definire
Venerdì 4: ZE Tafans
Sabato 5: Rock Doc
Venerdì 11: Die Hallers
Sabato 12: Die Hallers

L’INGRESSO E’ RIGOROSAMENTE AGGRATIS,
SI PAGA SOLO CIO’ CHE SI MANGIA E BEVE

Per le giornate di VENERDI’ e SABATO la prenotazione è consigliata!

Ti servono: zero EURI!!!

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

ONO Arte Contemporanea

Galleria dedicata all'arte in tutte le sue forme: fotografia, videoarte, grafica, installazioni, libri, oggetti di design e abbigliamento, documentari, musica, vinili.E' nata dall’idea che la galleria debba oggi soddisfare un pubblico molto più vasto e variegato: per questo, al suo interno – pensato come un vero e proprio concept store – trovano spazio un bookshop, un music shop e un lounge bar.Le mostre, allestite nello spazio che si sviluppa su diversi livelli, sono prevalentemente di fotografia e sono incentrate soprattutto sulla musica, la moda e, in generale, su tutte quelle icone che hanno influenzato la cultura popolare dagli anni Sessanta ai giorni nostri, con numerosi eventi collaterali come presentazioni di libri, romanzi, fumetti, proiezioni e conferenze. BO

Palazzo Albergati

Sulle fondamenta di antichi edifici residenziali posti in Via Saragozza, a Bologna, a partire dal 28 aprile 1519, iniziò la costruzione dell’odierno Palazzo Albergati - edificato dall’omonima e importate famiglia bolognese - nato dal progetto architettonico attribuito a Baldassarre Peruzzi (o a Domenico da Varignana).In una posizione eccezionale rispetto agli altri, Palazzo Albergati primeggia sulla via del centro storico bolognese con la sua imponente facciata che assunse la forma definitiva nel primo decennio del ‘600, e vanta all’interno preziosi affreschi del ‘600/’700 tra i quali il Fregio di Bartolomeo Cesi raffigurante le Storie di Annibale e alcuni scene della Seconda Guerra Punica.L’8 agosto 2008 Palazzo Albergati fu colpito da un incendio che ha portato ad iniziare una serie di restauri che hanno interessato in particolare alcuni appartamenti al pianterreno e al primo piano, col totale recupero di tutte le decorazioni pittoriche e i vari stucchi baroccheggianti a decorazione delle volte del Palazzo, che datano dal secolo XVII al XIX. BO

Palazzo Pallavicini

In Via San Felice, nel cuore della Bologna antica, a due passi dalle due torri e da Piazza Maggiore, sorge Palazzo Pallavicini.Originario del XV° secolo e già appartenuto a nobili famiglie bolognesi come i Villa, i Volta ed i Marsili. Nel 1557 venne acquistato dalla famiglia Isolani che, secondo lo storico Guidicini, conferì all’architettura interna del palazzo specifica dignità utilizzando l’opera degli architetti Paolo Canali e Luigi Casali.Nel 1681 fu rilevato dai fratelli Girolamo e Carl’Antonio Alamandini che, per eredità, lasciarono alla sorella Veronica, sposata con Paolo Bolognetti, sia il Palazzo che la Villa di Croce del Biacco a Bologna.La proprietà, intorno alla seconda metà del '700, passò da Ferdinando Bolognetti Alamandini al maresciallo Gian Luca Pallavicini, consigliere di stato dell’imperatrice d’Austria Maria Teresa e governatore generale della Lombardia.I saloni del Palazzo, che si sviluppano su una superficie di circa 1800 mq, sono riccamente affrescati, ornati da splendidi stucchi e ospitano opere del Burrini, Zanotti, Minozzi e Barozzi.Da ricordare che, nella splendida “sala della musica” il 26 marzo 1770 si esibì l’allora quattordicenne fanciullo prodigio Wolfgang Amadeus Mozart.Cinquecento anni di storia di Palazzo Pallavicini e duemila metri quadrati di arte e comodità per la residenza e gli affari. BO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.