Summertime in Jazz 2019

19/7 ORE 21:30 - 23:30 @ Vernasca - Vernasca

Summertime in Jazz 2019

Summertime in Jazz 2019

sesta edizione
“Summertime/And the living is easy”. Con queste parole inizia lo standard jazz più famoso di sempre, il brano che ha fornito l’ispirazione per il titolo di questa rassegna che vive nel cuore dell’estate, arrivata alla sua sesta edizione. L’augurio è che vivere sarà più “facile” anche per tutti noi che, dismessi i panni più pesanti e inamidati della stagione fredda, potremo tornare a goderci in pieno quella sensazione di maggiore libertà e leggerezza che sempre l’estate porta con sé.

Summertime in Jazz potrà solo contribuire a farci entrare in questo stato di grazia estivo; mostrandoci luoghi già di per sé unici e offrendoci l’occasione di apprezzarli ancora di più grazie all’atmosfera e al contesto che si verrà ogni volta a creare e regalandoci emozioni in musica.
Il programma:
Venerdì 19 Luglio 2019
Antica Pieve di Vernasca

JAVIER GIROTTO TRIO "Tango Nuevo Rivisited"
Javier Girotto sax baritono
Gianni Iorio bandoneon
Alessandro Gwis pianoforte e tastiere

Tango Nuevo reloaded. Il saxofonista Javier Girotto, argentino di nascita e italiano di adozione, si immerge profondamente nella musica di una delle più importanti registrazioni del tango moderno: "Tango Nuevo" di Astor Piazzolla e Gerry Mulligan. Girotto e il suo trio portano questo classico del 1975 a nuova vita e mostrano in modo perfetto quanto sia vitale e versatile la musica del Tango ancora oggi.
Venerdì 26 Luglio 2019
Cortemaggiore - Piazza Patrioti

GIULIANO LIGABUE SWING BAND
Giuliano Ligabue voce e chitarra
Gianni Satta tromba
Alessandro Bertozzi sax contralto
Walter Pandini sax tenore
Cristiano Boschesi trombone
Stefano Caniato pianoforte
Michele Mazzoni basso
Marco Orsi batteria

Alla guida di una formazione di altissimo livello composta da 8 musicisti, Giuliano Ligabue, cantante, chitarrista e ideatore del progetto, condurrà il pubblico nelle atmosfere delle grandi big band dell'Era Swing. Una serata nella quale l'artista piacentino presenterà alcuni brani inediti tratti dal suo nuovo album dal titolo “Ci Può Stare”, in uscita a luglio.
Sabato 27 luglio 2019
Morfasso

HOT CHERRIES “Sleeping Beauty”
Jacopo Delfini chitarra e voce
Mike Frigoli chitarra e voce
Andrea Aloisi violino
Alessandro Cassani contrabbasso

Gli Hot Cherries sono un gruppo di swing gitano. Ispirati dalla musica di Django Reinhardt degli anni ’30, propongono alcuni classici e composizioni originali contenuti nel loro ultimo disco. Oltre alla classica formazione gipsy con chitarra solista, chitarra ritmica e contrabbasso, per l’occasione ad affiancarli sarà il violino di Andrea Aloisi.
Domenica 28 luglio 2019
Travo, Pietra Perduca

MONK'S CARAVAN TRIO
Michele Bianchi chitarra jazz
Corrado Caruana chitarra manouche
Enzo Frassi contrabbasso

Per la tappa in quota, dall’alto della Pietra da cui si domina la Val Trebbia, a risuonare sarà il mix di musiche gipsy swing di questo trio ispirato alla tradizione europea jazz gitana, naturalmente influenzata dalla musica del grande Django Reinhardt. A questo aspetto legato alla tradizione ben si affianca uno spirito di ricerca nei confronti del lato più innovativo di questa musica.
Martedì 30 luglio 2019
Castell'Arquato, Piazza del Municipio

SPIRIT GOSPER CHOIR & SPIRIT BAND
direttore Andrea Zermani

All’inizio era il Gospel. Dalla seconda metà dell’Ottocento fino ai giorni nostri questo genere ha attraversato due secoli di mutamenti sociali e culturali mantenendo, pur nelle mutate forme musicali, sempre intatto il suo fascino e la portata del suo messaggio: che è anelito alla libertà e inno di speranza. Questa forza è stata anche la chiave di accesso al Gospel per il coro di una quarantina di elementi, guidati da Andrea Zermani.
Mercoledì 31 Luglio 2019
Travo, Piazza Trento

PABLO CORRADINI PROJECT “Alma de viejo”
Pablo Corradini bandoneon
Marco Postacchini sax
Simone Maggio pianoforte
Roberto Gazzani contrabbasso
Gianluca Nanni batteria

“Alma de viejo” è l’ultimo lavoro del quintetto del compositore e polistrumentista Pablo Corradini, argentino di nascita, in Italia fin dalla sua infanzia. Il repertorio è composto da brani interamente composti dal leader bandoneonista oltre a qualche classico della tradizione. Il suono che ne deriva fonde lo Swing ai ritmi argentini in un insieme originale e ricercato.
Mercoledì 7 Agosto 2019
Vigoleno, Sagrato di Santa Maria delle Grazie

TIZIANO CHIAPELLI “Meditango”
Tiziano Chiapelli fisarmonica
Lorella Baldin violino
Maddalena Fasoli viola
Paola Zannoni violoncello

Formazione particolare composta da una fisarmonica accompagnata e sostenuta da tre strumentiste ad arco, Meditango ensemble si propone di esplorare il Tango e le più celebri partiture dei grandi del ‘900, Gardel e Piazzolla, arrivando ai grandi autori contemporanei, come Galliano, con arrangiamenti sempre originali ed emozionanti.
Giovedì 8 Agosto 2019
Rivergaro, Piazza S. Agata

ANDREA MINGARDI “E allora Jazz...”
Andrea Mingardi voce
Sandro Comini trombone
Teo Ciavarella pianoforte
Maurizio Tirelli tastiere
Felice Del Gaudio contrabbasso
Lele Barbieri batteria

Nuovo progetto e nuovo tour per il cantautore bolognese che ha attraversato tutta la storia della nostra musica leggera a partire dalla fine degli anni ’50 fino a oggi. “E allora Jazz…” vede Mingardi alle prese con grandi classici del Great American Songbook per un emozionante viaggio in musica che attinge a brani di Sinatra, Nat King Cole, Ella, Tony Bennett tra gli altri, insieme a un gruppo di eccellenti compagni di viaggio.
Venerdì 9 Agosto 2019
Cerignale, Piazza della Pace

NOTE NOIRE "Nadir"
Ruben Chaviano violino
Roberto Beneventi fisarmonica
Tommaso Papini chitarra
Mirco Capecchi contrabbasso

Tutti a Cerignale per la tappa conclusiva di Summertime in Jazz in compagnia del quartetto fatto di composizioni originali che stavolta guardano verso il “Nadir”, polo dell’orizzonte astronomico opposto allo Zenit. Musiche scritte con grande libertà stilistica, alla ricerca di linguaggi musicali moderni e cosmopoliti che rendano giustizia delle caratteristiche di strumenti rappresentativi delle tradizioni europee come lo sono i loro quattro.

Tutti i concerti sono ad ingresso aggratis!!

Ti servono: zero EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Agriturismo La Dolce Vite

L'agriturismo circondato dai vigneti dei colli piacentini, affacciato sulla meravigliosa Val Trebbia. PC

Carpaneto Piacentino

Carpaneto Piacentino è il capoluogo naturale della Val Chero.Sorge ai piedi delle colline sull’incrocio delle strade provinciali Piacenza-Lugagnano e Cadeo-Velleia.Dista 20 Km da Piacenza e 13 da Fiorenzuola d’Arda ed è conosciuto per aver dati i natali a Edoardo Amaldi, celebre fisico italiano del XX secolo nonché membro del gruppo dei ragazzi di via Panisperna.Il territorio comunale ha una superficie di 6324 ettari che variano da un’altezza minima di m. 74 (Zena) ad una massima di m. 390 (Magnano) sul livello del mare ed ha un popolazione di 7.700 abitanti.La presenza romana nel territorio di Carpaneto è attestata da tracce di centuriazione e da numerosi rinvenimenti archeologici (disseminati in varie località): tombe, tracce di lastricato, frammenti di oggetti da mensa in ceramica; nella frazione di Badagnano fu rinvenuto un dolio di ragguardevoli dimensioni (ora conservato nell’antiquarium di Velleia).Il primo documento che cita Carpaneto è del 25 settembre 758 e riguarda le vendite avvenute tra alcuni nobili longobardi di un appezzamento di terreno boschivo composto in prevalenza da “carpinus betulus”.La denominazione del luogo si trova inoltre in un testamento olografo del 7 luglio 801, conservato nell’archivio capitolare di Piacenza. Altro documento importante è un rogito di vendita su pergamena longobarda datato 27 novembre 815 relativo alla vendita di parte di una selva “in loco ubi dicitur Carpenetus” da parte di Gastaldo del fu Gautperto al vescovo di Piacenza, Podone (809-840).L’attuale stemma è stato riconosciuto ufficialmente il 26 novembre 1931 dal Re d’Italia Vittorio Emanuele III, che decretò e riconobbe al Comune di Carpaneto il diritto di far uso di questo stemma comunale e dispose che tale decreto fosse registrato alla Corte dei Conti e trascritto nei registri della consulta araldica e dell’archivio di Stato.Dal XV secolo all’inizio del 1900, il castello di Carpaneto è stato proprietà della famiglia Scotti Douglas di Vigoleno. Dopo la morte violenta, avvenuta nel 1521 ad Agazzano, del conte feudatario Pier Maria Scotti, detto “il Buso” per la velocità e la destrezza con cui riusciva ad infilzare con la spada i suoi nemici, il borgo decadde.Insieme a Diolo e a Vigoleno, Carpaneto fu elevato a marchesato da Ranuccio I Farnese nel 1606 in favore di Cesare Maria Scotti e alla famiglia Scotti il castello rimase fino al 1908, anno in cui fu venduto al Comune. In esso presero ufficialmente stanza, oltre agli uffici comunali, anche la scuola elementare, la Pretura ed alcune attività commerciali.Solo da alcuni decenni l’edificio è adibito esclusivamente ad attività amministrativa del Comune. Nel palazzo si conservano le sole aeropitture murali realizzate nel 1934 dal pittore futurista piacentino BOT (Barbieri Osvaldo Terribile) nel salone a lui dedicato al piano superiore nel 1934 e ultimamente restaurate. Quelle dello scalone d’accesso furono affrescate nel 1937, su commissione del Podestà Carlo Nazzani. I lavori di recupero e restauro conservativo dell’antico palazzo hanno restituito al Castello la vetusta bellezza e la maestosa possanza. PC

Castello Anguissola di Travo

Il Castello Anguissola di Travo sorge sulla riva sinistra del Fiume Trebbia. Si trova nella parte meridionale di Piazza Trento, vicino ad altri edifici di epoca medievale.Nel XII° secolo E' costruito dalla Famiglia Malaspina.Alla fine del XVIII° secolo Passa alla Famiglia Anguissola che lo trasforma in dimora signorile.Nel 1978 La Contessa Maria Salini vedova Anguissola dona il Castello al Comune di Travo.Dal 1997 Diventa anche la sede del Museo Civico Archeologico.Oggi Dell'originario impianto castrense, rimane solo il corpo che da sul lato del Fiume Trebbia. Rimane anche una torre quadrata che fungeva da ingresso all'antico borgo fortificato, una a base quadrata con finestre a tre archi inserita tra le case ed una terza, a base circolare, posta fra la prima torre ed il Trebbia.Il Museo Civico Archeologico è visitabile solo su prenotazione. PC

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.