The Art of Bansky a Visual Protest

11/2 ORE 14:30 - 19:30 @ MUDEC - Museo delle Culture - Milano

The Art of Bansky a Visual Protest

Il Mudec ospita una collezione delle opere dello street artist Bansky, la cui identità è ancora sconosciuta.

La mostra, intitolata “The Art of Bansky a Visual Protest, a visual protest”, è articolata in quattro sezioni.

Questa mostra si articola attraverso quattro sezioni che portano ad una riflessione critica su quale sia (e quale potrebbe essere) la collocazione di Banksy in un contesto più generale della storia dell’arte.

Attraverso 70 lavori (dipinti, sculture, prints) oltre a oggetti, fotografie e video, è illustrato il lavoro dell’artista con uno sguardo retrospettivo, che fornisce ai visitatori le chiavi di lettura dell’opera di Banksy attraverso un percorso a suo modo accademico e insolito, per la prima volta in un museo.

La mostra è aperta dal 21 Novembre 2018 al 14 Aprile 2019

Ti servono: 16 EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Autodromo di Monza

Il terzo autodromo più vecchio del muuuundo!!! (e sicuramente il primo d'itaglia!!!)Su codesta pista il buon veccchio Montoya fece registrare qualche annetto fa il record di velocità in Formula 1: 372,6 km/h !!!!Ma al di là del celeberrimo gran premio...Imperdibile l'adiacente parco e fondamentalmentali i millemila eventi musicali ivi organizzati!!!(pure "gods of qualcosa" una volta l'anno...) MB

Black Horse Pub

Il Black Horse Pub ha fatto della musica la sua filosofia di vita, da oltre venti anni importanti e grandi nomi della musica nazionale e internazionale hanno solcato il suo palco lasciando un segno indelebile nella memoria. CO

Castello Visconteo – Musei Civici Pavia

Costruito nel 1360 da Galeazzo II Visconti. I Visconti vollero anche disegnare un grandioso parco di caccia, che si estendeva originariamente per una decina di chilometri, fino alla Certosa di Pavia; oggi parte del territorio del parco è ancora presente, ma non più collegato al castello, e chiamato Parco della Vernavola. PV

Cinema Multisala Orfeo

Aperto nel 1936 viene danneggiato dai bombardamenti del 1943 (anno in cui si interrompe la programmazione). Riapre nel 1949.Il locale, nella versione del dopoguerra, conta circa 2500 posti ed è dotato di uno schermo gigantesco.E' il più grande di Milano ed uno dei più grandi d'Europa.A partire dai primi anni '50 la sala si colloca dapprima (per pochi anni) tra i locali di seconda visione, poi torna a far parte dei numerosi cinema di terza visione. Alla fine del 1959 riguadagna la propria collocazione tra i cinema di seconda visione.Dal 1987 la grande sala viene promossa tra quelle di prima visione.A partire dagli anni '80 la sala ospita anche numerosi importanti concerti jazzistici: Gerry Mulligan con la sua orchestra, Stan Getz, Dizzy Gillespie, il quartetto di Ornette Coleman con Don Cherry, James Brown, Lou Fleed, Al Jarreau, Susan Vega, Tori Amos, Leonard Cohen, Tina Turner, Pat Metheny, Sonny Hollins, Paco De Lucia, Gipsi King ed anche molti artisti italiani tra i quali: Riccardo Cocciante, Francesco De Gregori, Fausto Leali, Gino Paoli, Ornella Vanoni, Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni.L'Orfeo si adatta ai tempi nuovi ristrutturandosi in multisala. La nuova struttura inaugurata nel Dicembre del 2004 può contare sulla Sala Rossa, 720 posti con lo schermo più grande di Milano, la Sala Blu e la Sala Verde di eguali dimensioni (290 posti).Tutte le sale sono dotate di impianti al top, con proiezioni digitali in 3D, in 2K e 4K, e con impianti sonori Dolby Surround 7.1. L'Orfeo è tra i pochi locali storici sopravvissuti fino ai nostri giorni. MI

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO