Bologna Jazz Festival

9/11 ORE 21:15 - 23:15 @ Bologna City - Bologna

Bologna Jazz Festival

Tra leader carismatici e guru musicali, l’edizione 2019 del Bologna Jazz Festival, che si terrà dal 25 ottobre al 26 novembre, sarà un giardino delle delizie, per il grande pubblico e per gli ascoltatori più esigenti. Tra i protagonisti spicca il nome di Pat Metheny, il chitarrista per eccellenza del jazz crossover. E gli altri non sono certo comprimari: la cantante Dianne Reeves, jazz diva della vocalità afro, il trio all stars Cross Currents (che raccoglie Dave Holland, Zakir Hussain e Chris Potter), il trio del sopraffino pianista Fred Hersch, un’autorità della musica brasiliana come Hermeto Pascoal.

Il programma del festival, oltre alla consueta ricchezza di musica dal vivo, includerà importanti contenuti didattici e di intersezione tra jazz e altre forme espressive. Sul fronte interdisciplinare, il BJF ha coinvolto il grande disegnatore Altan, che ha realizzato una serie di disegni originali per l’immagine del BJF 2019, con il fondamentale apporto di BilBOlbul Festival internazionale di fumetto.
Concerti principali nei teatri

Al Bologna Jazz Festival 2019 si ascolteranno i più interessanti sviluppi moderni del format del trio, a partire dal concerto del pianista Fred Hersch, che inaugurerà i grandi appuntamenti in teatro (25 ottobre, Unipol Auditorium).Bjf Dianne Reeves

Il BJF ospiterà poi Dianne Reeves (31 ottobre, Teatro Duse), misurandosi così con la grande storia interpretativa del jazz vocale. Come le jazz divas del passato, delle quali è una vera erede moderna, la Reeves si muove con disinvoltura tra jazz e pop, trasformando ogni scelta di repertorio in una perfetta jazz song.

Un ritorno alla dimensione del trio, l’8 novembre all’Unipol Auditorium con il Cross Currents Trio, formazione nella quale si incontrano tre leggende dei rispettivi strumenti: Dave Holland è uno dei più importanti bassisti della storia del jazz; Zakir Hussain è il virtuoso indiano delle tabla che più di ogni altro si è confrontato con il jazz statunitense; Chris Potter è uno dei più apprezzati ‘stilisti’ del sax. Con loro la musica scorre incontenibile e senza confini estetici.

Il 15 novembre, l’Unipol Auditorium accoglierà un’icona vivente della musica brasiliana: Hermeto Pascoal. Polistrumentista eccentrico, Pascoal trascina il suo ‘Grupo’ in una musica la cui energia vitale la fa sembrare una sorta di religione animistica tradotta in suoni, con una notevole propensione al jazz.

Bjf Pat Metheny un’icona musicale come il chitarrista Pat Metheny tornerà al Bologna Jazz Festival (dopo la sua apparizione del 2011) con un trio che promette di muoversi a ‘stile libero’ nel repertorio del carismatico chitarrista. Musicista dei record (una ventina di Grammy Awards, un’incalcolabile serie di premi come ‘migliore della classe’), Metheny, ha saputo costruire e mantenere nel tempo un rapporto unico col pubblico. Lo dimostrerà ancora una volta il 26 novembre al Teatro EuropAuditorium, affiancato da Darek Oleszkiewicz e Jonathan Barber.

Le produzioni principali del festival saranno incastonate in una cornice musicale creata dai live pre-concerto che si terranno allo Zushi e i dopo concerto al Camera – Jazz & Music Club.

Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol, Tper, Città Metropolitana di Bologna, Bologna Città Creativa della Musica Unesco e del main partner Gruppo Hera.

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

ONO Arte Contemporanea

Galleria dedicata all'arte in tutte le sue forme: fotografia, videoarte, grafica, installazioni, libri, oggetti di design e abbigliamento, documentari, musica, vinili.E' nata dall’idea che la galleria debba oggi soddisfare un pubblico molto più vasto e variegato: per questo, al suo interno – pensato come un vero e proprio concept store – trovano spazio un bookshop, un music shop e un lounge bar.Le mostre, allestite nello spazio che si sviluppa su diversi livelli, sono prevalentemente di fotografia e sono incentrate soprattutto sulla musica, la moda e, in generale, su tutte quelle icone che hanno influenzato la cultura popolare dagli anni Sessanta ai giorni nostri, con numerosi eventi collaterali come presentazioni di libri, romanzi, fumetti, proiezioni e conferenze. BO

Palazzo Albergati

Sulle fondamenta di antichi edifici residenziali posti in Via Saragozza, a Bologna, a partire dal 28 aprile 1519, iniziò la costruzione dell’odierno Palazzo Albergati - edificato dall’omonima e importate famiglia bolognese - nato dal progetto architettonico attribuito a Baldassarre Peruzzi (o a Domenico da Varignana).In una posizione eccezionale rispetto agli altri, Palazzo Albergati primeggia sulla via del centro storico bolognese con la sua imponente facciata che assunse la forma definitiva nel primo decennio del ‘600, e vanta all’interno preziosi affreschi del ‘600/’700 tra i quali il Fregio di Bartolomeo Cesi raffigurante le Storie di Annibale e alcuni scene della Seconda Guerra Punica.L’8 agosto 2008 Palazzo Albergati fu colpito da un incendio che ha portato ad iniziare una serie di restauri che hanno interessato in particolare alcuni appartamenti al pianterreno e al primo piano, col totale recupero di tutte le decorazioni pittoriche e i vari stucchi baroccheggianti a decorazione delle volte del Palazzo, che datano dal secolo XVII al XIX. BO

Palazzo Pallavicini

In Via San Felice, nel cuore della Bologna antica, a due passi dalle due torri e da Piazza Maggiore, sorge Palazzo Pallavicini.Originario del XV° secolo e già appartenuto a nobili famiglie bolognesi come i Villa, i Volta ed i Marsili. Nel 1557 venne acquistato dalla famiglia Isolani che, secondo lo storico Guidicini, conferì all’architettura interna del palazzo specifica dignità utilizzando l’opera degli architetti Paolo Canali e Luigi Casali.Nel 1681 fu rilevato dai fratelli Girolamo e Carl’Antonio Alamandini che, per eredità, lasciarono alla sorella Veronica, sposata con Paolo Bolognetti, sia il Palazzo che la Villa di Croce del Biacco a Bologna.La proprietà, intorno alla seconda metà del '700, passò da Ferdinando Bolognetti Alamandini al maresciallo Gian Luca Pallavicini, consigliere di stato dell’imperatrice d’Austria Maria Teresa e governatore generale della Lombardia.I saloni del Palazzo, che si sviluppano su una superficie di circa 1800 mq, sono riccamente affrescati, ornati da splendidi stucchi e ospitano opere del Burrini, Zanotti, Minozzi e Barozzi.Da ricordare che, nella splendida “sala della musica” il 26 marzo 1770 si esibì l’allora quattordicenne fanciullo prodigio Wolfgang Amadeus Mozart.Cinquecento anni di storia di Palazzo Pallavicini e duemila metri quadrati di arte e comodità per la residenza e gli affari. BO

Teatro Celebrazioni

Costruito negli anni ‘50 e immerso nel verde, accoglie il pubblico in un’elegante sala con quasi 1000 poltrone suddivise tra un’ampia platea e una balconata. La prosa, la danza internazionale, i grandi comici, gli spettacoli musicali e i concerti di musica leggera sono i generi distintivi della programmazione teatrale che si affaccia con grande respiro alla contemporaneità. BO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.