Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

18/1 ORE 10:00 - 18:00 @ Reggia di Venaria Reale - Venaria Reale

Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

Alla Reggia di Venaria, dal 18 Luglio 2018 al 24 Febbraio 2019, una emozionante mostra dedicata al mito della motocicletta.

Un mito fatto di libertà, tecnologia, sogno, colore, velocità: è l’immaginario legato al mondo della motocicletta. Spesso vera creazione d’arte e prodigio tecnico, tra ricerca delle forme più ardite e sperimentazioni meccaniche. A raccontare un universo tanto affascinante è la mostra “Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte”, in calendario dal 18 luglio 2018 al 24 febbraio 2019 alla Reggia di Venaria, presso la Citroniera delle Scuderie Juvarriane.

Un mito giovane, quello della motocicletta (i prototipi risalgono al 1885), ma capace di generare presto brand leggendari (Ducati, Guzzi, Harley Davidson), farsi protagonista di capolavori cinematografici (il chopper di “Easy Rider”, la Triumph Bonneville guidata da Steve McQueen ne “La grande fuga”), accompagnare le gesta dei campioni (la MV Agusta di Giacomo Agostini, la Yamaha di Valentino Rossi, la Ducati di Casey Stoner), raccontare il mondo e la voglia di esplorarlo (la Vespa utlizzata da Bettinelli da Roma a Saigon o le special che hanno attraversato il deserto di sabbia della Parigi-Dakar).

La moto racchiude un universo fatto di evasione dalla routine, stile, esaltazione del viaggio, anche interiore. E coinvolge filosofia e letteratura (come dimenticare il celebre libro di Pirsig “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”?). Anche l’arte è stata investita dal suo messaggio. E la mostra della Venaria fa dialogare oltre cinquanta modelli di moto con opere d’arte contemporanea, in modo espliciti o indiretto. Tra i nomi degli artisti esposti, Antonio Ligabue con l’Autoritratto sulla moto, Mario Merz con Ac-celerazione=sogno, Pino Pascali con 9mq di pozzanghere, Alighiero Boetti con Rosso Guzzi e Rosso Gilera, Giuliano Vangi con Vejo. Autentica chicca sono i dipinti di Paul Simonon, ex bassista dei Clash, appassionato collezionista di moto.

Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte” arriva vent’anni dopo la celebre esposizione “The Art of Motorcycle” del Guggenheim Museum di New York (dal record assoluto di visitatori). A curarla, Luca Beatrice, Arnaldo Colasanti, Stefano Fassone. Sono nove le sezioni in cui si articola: Stile forma e design italiano; Il Giappone e la tecnologia; Mal d’Africa; La velocità; Sì viaggiare; London Calling; Il Mito americano; Terra, Fango, Libertà; La moto e il cinema.

Ti servono: 12/14 EURI!!!

X INFO: INTENETTT FEISBUCCC MAILL CELLL *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

#CHESSSIGUARDA

no foto chesssifa 01 Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

Nelle vicinanze

Cinema Greenwich Village

Nel marasma dei portici di Via Po a Torino, a un tratto ti giri e rimani abbagliato dallo sfavillio del Greenwich Village!!!Atmosfera niuiorchese, grandi bar a 4 passi per carburare e Mercoledì a 4 euro!!! To

Il Magazzino di Gilgamesh

Locale storico del panorama della musica notturna torinese in pieno stile “Jazz Club Newyorkese”.E' famoso in tutto il Nord Italia come punto di riferimento per la musica live (Jazz, Blues, Rock). TO

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Residenza Sabauda per la Caccia e le Feste edificata a partire dal 1729 su progetto di Filippo Juvarra, la Palazzina di Caccia di Stupinigi è uno dei gioielli monumentali di Torino, a 10 km da Piazza Castello, in perfetta direttrice.Costruita sui terreni della prima donazione di Emanuele Filiberto all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (1573), è oggi proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano, un ente governativo dedicato alla sua conservazione e valorizzazione.Riaperta al pubblico dopo importanti lavori di restauro, la Palazzina di Caccia -fra i complessi settecenteschi più straordinari in Europa- ha piena dignità museale con i suoi arredi originali, i dipinti,i capolavori di ebanistica e il disegno del territorio.La costruzione della Palazzina di Caccia inizia nel 1729 su progetto di Filippo Juvarra, e continua fino alla fine del XVIII secolo con interventi di ampliamento e completamento di Benedetto Alfieri e di altri architetti quali Giovanni Tommaso Prunotto, Ignazio Birago di Borgaro, Ludovico Bo, Ignazio Bertola.Testimonianza eccezionale dello spirito del tardo Juvarra e di Benedetto Alfieri, si specchia e ritrova nel rococò internazionale delle residenze reali europee.È luogo di loisir per la caccia nella vita di corte sabauda, sontuosa e raffinata dimora prediletta dai Savoia per feste e matrimoni durante i secc. XVIII e XIX, nonché residenza prescelta da Napoleone nei primi anni dell’800.Agli inizi del XX secolo è scelta come residenza dalla Regina Margherita, e dal 1919 è anche sede del Museo dell’Arredamento.Costituisce l’elemento eminente del patrimonio storico-artistico mauriziano. TO

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO