Margaret Bourke-White Dorothea Lange.Ricevere l’avvenimento

15/2 ORE 15:30 - 19:00 @ Centro Culturale di Milano - Milano

lange-migrantmother02_1936-620x388

Nell’ambito del palinsesto dedicato alla creatività delle donne, il Centro Culturale di Milano porta sotto i riflettori la produzione artistica di due straordinarie fotografe simbolo del Novecento. Succede con “Ricevere l’avvenimento”, un incontro-confronto tra Dorothea Lange e Margaret Bourke-White.
Composta da settantacinque fotografie in bianco e nero, selezionate da un ampio ventaglio di opere scattate tra gli anni Venti e i decenni successivi al secondo dopoguerra, la mostra riunisce alcune immagini emblematiche.

I temi dell’emarginazione, della povertà e delle ripercussioni funeste della Grande Depressione americana sono al centro della ricerca della Lange (dal 9 febbraio in mostra anche al MoMA di New York, nell’ambito della rassegna Dorothea Lange. Words & Pictures). Umanità e realtà si mescolano nei suoi scatti, dando vita e ritratti carichi di pathos, testimonianze toccanti di periodi tra i più cupi del nostro passato recente.

A opere come Migrant mother – l’iconica madre con i due bambini immortalata da Dorothea Lange nel 1936 – si contrappongono le foto più “sperimentali” della Bourke-White. Gli aspetti della compassione, del realismo e del messaggio politico/sociale anche in lei sono forti e ben presenti, eppure spesso virati verso soluzioni compositive inconsuete. L’artista si posiziona su cornicioni di grattacieli, sorvola le città, si spinge fino alle zone proibite degli stabilimenti industriali.

da lunedì – venerdì
ore 10,00-13,00; 14,30-18,30

Sabato e domenica
Ore 15,30 – 19,00

Ti servono: 10/5 EURI!!!

X INFO: INTENETTT | FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Acquario Civico di Milano

L'Acquario Civico di Milano: un museo viventeÈ ospitato in uno splendido edificio liberty che con i suoi fregi e maioliche racconta all'esterno il suo contenuto. È situato accanto all'Arena civica e ai margini del Parco Sempione, di cui riproduce l'architettura ellittica. L'attuale assetto dell'edificio e delle vasche è frutto della ristrutturazione (2003-2006) che ha restituito l'Istituto, nella sua nuova veste, ai visitatori e alla cittadinanza. MI

Arengario

Eretto verso la fine del XIII secolo, l'antico palazzo comunale, detto Arengario (dal latino arengarius, derivato dal germanico hari-hring, “luogo per assemblee”) sorge in posizione pressoché contigua al Duomo, a significare anche visivamente la contrapposizione di poteri, religioso e civile, che anche a Monza contraddistinse il periodo comunale.Situato nel centro cittadino, in relazione alla vasta piazza del Mercato ed in asse con la via principale che legava la città a Milano e alla Brianza, faceva parte di un insieme complesso, che le vicende edilizie ed i restauri hanno ridotto al solo palazzo comunale. Accanto sorgeva, collegato da un passaggio sospeso, il palazzo pretorio (o del podestà) oggi scomparso.L'edificio presenta a piano terra un ampio porticato ad arcate, sorretto da massicci pilastri in pietra, luogo degli incontri e degli scambi, ed un’unica grande sala coperta a capriate di legno al primo piano, destinata alle adunanze ed assemblee, che si apre con un balconcino a loggetta (la "parlera") dalla quale si leggevano i decreti emanati dal Comune alla popolazione. La torre campanaria, realizzata successivamente, sul lato nord, presenta la merlatura ghibellina a coda di rondine.L'antico accesso alla sala superiore, adibita ora a sala espositiva per mostre d'arte e rassegne culturali, avveniva lungo il fianco orientale tramite due scale esterne alla porta di cui sono tuttora visibili le tracce. Oggi l'ingresso è da nord attraverso una scala nella torre. MB

Castello Sforzesco di Milano

E' uno dei principali simboli della Città di Milano e della sua storia.Fu costruito nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti di una precedente fortificazione risalente al XIV secolo nota come Castrum Porte Jovis (Castello di porta Giovia o Zobia), e nei secoli ha subito notevoli trasformazioni.La Porta Giovia viene eretta in età romana (III secolo d.C.) da Diocleziano Giovio, a cavallo della cinta muraria dell’antica Mediolanum, costituendo un punto di transito per chi entra ed esce dalla città.In età medievale Azzone Visconti potenzia e amplia il circuito murario antico.Il ruolo di questa porta cambia nella seconda metà del 1300, quando Galeazzo II Visconti vi costruisce intorno la sua rocca quadrata.Fra il Cinquecento e il Seicento era una delle principali cittadelle militari d'Europa. Trasformato in una delle più ampie cittadelle fortificate d'europee, era destinata alle truppe del figlio Gian Galeazzo.Solo con Filippo Maria Visconti, nel XV secolo, il complesso adibito a fortezza e prigione assume carattere di residenza signorile della famiglia, che fino a quel momento abitava il Palazzo dell’Arengo vicino al Duomo. L’area del Castello verrà allora ampliata e dotata di un fossato, di giardini e di un grande parco verso nord.Restaurato in stile storicista da Luca Beltrami tra il 1890 e il 1905.Oggi è sede di importanti istituzioni culturali e meta turistica. ed è uno dei più grandi castelli d'Europa. MI

Centro Culturale di Milano

Il Centro Culturale di Milano ha sede nell'edifico firmato Studio Caccia Dominioni, a fianco della Chiesa di San Vito al Pasquirolo, che diede i natali a Caravaggio. Ente morale ideato e sostenuto da personalità e professionisti di Milano e del Paese, e dal volontariato dei giovani. Attivo dal 1981, con le sue 22.000 presenze e più di 50 eventi l’anno, è originale spazio di dialogo ed espositivo su molti campi della cultura e dell’arte, in collaborazione con istituzioni, enti, case editrici. MI

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.