Sagra di San Rocco 2018

13/8 ORE 18:30 @ Gazzola - Gazzola
5/5 (1)

Sagra di San Rocco 2018

Sagra di San Rocco 2018

Dall’11 al 13 Agosto nel Campo Sportivo di Gazzola (PC)

Come ogni anno, appena si avvicina Ferragosto, arriva la tradizionale festa gazzolese.

Tre giorni di piacentinità con piatti come la porchetta fredda, le salamelle e il “new entry” stinco arrosto.

Ci si scatena ogni sera sulla mega pista da ballo di ben 300 mq!!!

Il programma:

– Sabato 11 –

Ore 18:30 Esibizione dell’ASD Centro Cinofilo MH

Ore 19 Apertura Stand Gastronomici

Ore 21 “Serata Giovani” con gli scoppiettanti Cani Della Biscia dal vivo!

– Domenica 12 –

Ore 18:30 Esibizione dell’ASD Centro Cinofilo MH

Ore 19 Apertura Stand Gastronomici

Ore 21 Serata Danzante con l’Orchestra Macho. (Pagina ufficiale)

– Lunedì 13 –

Ore 18:30 Esibizione dell’ASD Centro Cinofilo MH

Ore 19 Apertura Stand Gastronomici

Ore 21 Serata Danzante con Gianni e la Liscio Band

Bancarelle, Parco giochi, Banco di Beneficienza

Ingresso ad offerta libera!

X INFO: FEISBUCCC | MAILL | CELLL | *

* dei tipi che organizzano

OFFRI/TROVA 1 PASSAGGIO
CERCA 1 ALLOGGIO

Salva in Agenda

Nelle vicinanze

Castello di Belgioioso

Il Castello di Belgioioso fu probabilmente fondato da Galeazzo II nella seconda metà del secolo XIV in un'estesa proprietà dei Visconti nel territorio ove in seguito sorse il paese di Belgioioso. Il nome "Zoioso" fu forse attribuito al castello per l'amenità del luogo e per la felicità che un tempo doveva recare il soggiorno in quella terra. Il duca Gian Galeazzo II vi soggiornò ripetutamente; tanto cara gli era la dimora a Belgioioso che, con una sua lettera del 22 dicembre 1393, proibì la caccia ai cervi e a qualsiasi altra selvaggina fino a Bereguardo-Vigevano e Abbiategrasso. Inoltre questo provvedimento è citato anche nel famoso testamento del 1397 in cui il Duca ordina che per rimedio e suffragio dell'anima sua si edifichi un monastero, casa e chiesa certosina, sul territorio pavese "in loco turris de Mangano". Il duca però escludeva dalle donazioni ai certosini il grandissimo parco presso il Castello di Pavia e le possessioni di Bereguardo e Belgioioso. PV

Palazzo Ex Enel

L’immobile, di proprietà della Fondazione di Piacenza e Vigevano, è inaugurato il 31 gennaio 2020; per il taglio del nastro una mostra dedicata al collezionismo del secondo Novecento, ispirata anche dalla vicinanza con la Galleria Ricci Oddi.La facciata è ben visibile da via Santa Franca: è stata dipinta utilizzando tre tonalità di grigio ispirate a Morandi e in accordo con la Soprintendenza.Il grande intervento di recupero trasforma Palazzo Ex Enel dei primi decenni del Novecento in un grande spazio polifunzionale destinato soprattutto all’arte contemporanea e ai giovani. Piacenza si arricchisce di un nuovo spazio espositivo per raccontare il tempo presente: XNL Piacenza Contemporanea. PC

Piazza Duomo Piacenza

La piazza nella sua forma venne creata sotto il Papato di Paolo III Farnese (1534-49) nell’ambito delle operazioni tese a conferire un nuovo volto ad alcune zone della città in vista dell’assegnazione del Ducato di Parma e Piacenza al figlio Pier Luigi.In quell’occasione si smantellò l’antica chiesa di San Giovanni de Domo (VIII sec.) e si costruì il palazzo Vescovile, ponendolo a fianco del Duomo. L’originaria facciata porticata venne demolita nel 1858 e riedificata poco dopo su disegno dell’arch. Tassini.Scandita da tre ordini di finestre e da un basamento in bugnato liscio, è coronata agli angoli da due gruppi scultorei allegorici e, al centro, da un orologio del 1898 che funge da base per lo stemma di Papa PIO IX, al quale si deve l'elezione al soglio vescovile di Antonio Ranza committente del palazzo. Dal portale che reca ai fianchi alti TALAMONI, si perviene al cortile del '500, ritmato da portici con archi a tutto sesto che ospitano lapidi e frammenti di sculture asportate dal Duomo nei restauri del '900. Ritornando nella piazza, fiancheggiata ad ovest e a nord da portici che risalgono al 1555, si osserva al centro il monumento bronzeo alla Immacolata (1862) che si erge sopra un'alta colonna monolitica proveniente da Palazzo Farnese.Nel basamento, il gruppo in bronzo con la Madonna è invece opera del piacentino Luciano Ricchetti (1954) e ricorda il tragico bombardamento del 2 maggio 1944 che investì anche piazza Duomo provocando numerose vittime. PC

AGGIUNGI UN POSTO oppure PROMUOVI L'EVENTO